Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Confronto fra terapia farmacologica e counseling nell'astinenza da fumo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 259 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un recente studio, svolto dal Dr. Sharon Hall e dai suoi collaboratori e pubblicato nel numero di Ottobre 2002 degli "Archives of General Psychiatry", mette a confronto la terapia farmacologica e il counseling per verificarne la capacità far smettere di fumare.

Lo studio cerca di verificare quali possono essere gli effetti delle due diverse terapie e di una combinazione fra loro nella gestione della dipendenza da nicotina a breve e a lungo termine.

I risultati sembrano essere alquanto deludenti poichè il ricercatore afferma che la combinazione fra le due terapie non sembra dare risultati efficaci ma neanche le due terapie, prese singolarmente, mostrano di avere la capacità di essere in grado di mantenere un lungo periodo di non utilizzo delle sigarette e del tabacco.

In particolare il counseling sembra consentire un periodo di maggiore assenza di utilizzo delle sigarette di circa 7/10 giorni in più rispetto agli antidepressivi ma entrambe le terapie non mostrano, nei controlli a distanza, di aver prodotto risultati duraturi.

Nella ricerca sono stati utilizzati 220 fumatori sui quali si è cercato di verificare gli effetti della somministrazione di nortriptilina (un farmaco antidepressivo) e di Bupropion (un farmaco approvato dalla FDA per il trattamento della dipendenza da nicotina). Oltre a ciò è stata verificata l'efficacia dei farmaci in combinazione con sedute di counseling.

Il programma farmacoterapico includeva, inoltre, incontri volti ad illustrare gli effetti dannosi del fumo, inviti a smettere e materiale educativo da consultare in seguito.

Il programa di counseling, invece, consisteva in 5 incontri di gruppo dove discutere degli effetti del fumo sulla salute, su come smettere, sul perchè e così via.

Al controllo effettuato dopo un anno solo un terzo dei partecipanti allo studio aveva mantenuto fede alla sua rinuncia alle sigarette e non aveva ricominciato a fumare.

In conclusione lo studio afferma che nessuno dei due trattamenti (farmacologico e di counseling) è in grado di mantenere nel tempo gli effetti che invece riesce a produrre nel breve periodo. Sia la terapia farmacologica specifica che il counseling aiutano a smettere ma non aiutano a non riprendere.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Non starò autosabotando la mia…

Luna313, 31     Salve, fra qualche mese compirò 32 anni e ciò mi atterrisce, mi crea un'ansia indicibile. ...

Signorina (1527419268970)

Laura, 20     Salve, ho un problema di coppia e di famiglia. Ho conosciuto un ragazzo 5 mesi fa e sento di essermene innamorata. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni