Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Conseguenze del cyber bullismo

on . Postato in News di psicologia

Da un nuovo studio inglese è emerso che i bambini e i giovani adulti under-25, vittime di cyber bullismo, hanno una probabilità maggiore (più del doppio) di agire comportamenti autolesionistici e suicidari rispetto a coloro che non ne sono vittime. 

cyber bullismo

Un aspetto particolare di questo fenomeno è che anche la persona che commette bullismo in rete ha una maggiore probabilità di sperimentare pensieri e comportamenti suicidari.

Questa ricerca, guidata da alcuni studiosi dell’Università di Birmingham, comprende una revisione di oltre 150.000 bambini e giovani adulti di 30 paesi differenti, per un periodo superiore ai 21 anni.

I risultati, pubblicati su una rivista scientifica di tipo open access (redatta da Public Library of Science – PLOS One) hanno evidenziato il significativo impatto che il cyber bullismo può avere sui bambini e sui giovani adulti, sia bulli che vittime. 

I ricercatori, alla luce di quanto emerso, ritengono che vi sia un’urgente necessità di fare prevenzione ed intervenire in maniera efficace per contrastare questo fenomeno.

Il professor Paul Montgomery dell’Università di Birmingham ha spiegato che la prevenzione rispetto al cyber bullismo dovrebbe essere inclusa nei programmi anti - bullismo delle scuole e ha sottolineato l’importanza di linee guida inerenti concetti quali: “cittadinanza digitale”, sostegno online per le vittime ed intervento elettronico in grado di intervenire in modo adeguato.

Pubblicità

Egli ritiene, inoltre, che dovrebbero essere creati degli interventi specifici mirati ad es. a contattare le società di telefonia mobile e i fornitori di servizi Internet per bloccare, educare o identificare gli utenti.

È fondamentale, dunque, sensibilizzare e formare il personale scolastico e gli alunni. A tale scopo gli studiosi hanno fornito una serie di raccomandazioni:

  • Coloro che attuano piani di prevenzione al bullismo e di utilizzo sicuro di internet dovrebbero includere nei loro programmi anche il fenomeno del cyber bullismo;
  • I professionisti che si occupano di salute mentale e lavorano con i bambini e con i giovani dovrebbero chiedere quotidianamente se vi sono state esperienze di cyber bullismo;
  • L’impatto e le conseguenze del cyber bullismo dovrebbero essere incluse nella formazione degli psicologi che si occupano di bambini e adolescenti;
  • I bambini e i giovani coinvolti nel fenomeno del cyber bullismo dovrebbero essere sottoposti a controlli per verificare la presenza di disturbi mentali o di agiti autolesionistici;
  • Di grande importanza dovrebbero essere tutti i programmi scolastici, familiari e comunitari che promuovono l’uso appropriato della tecnologia;
  • La prevenzione al suicidio e i piani di intervento dovrebbero essere sempre presenti all’interno di qualsiasi programma anti – bullismo.

Dallo studio è emersa anche una forte associazione fra l’essere una cyber vittima ed essere l’autore del cyber – bullismo. Tale dualità è stata riscontrata in particolar modo nei maschi, i quali hanno mostrato un rischio maggiore di sviluppare depressione e di mettere in atto comportamenti suicidari.

Secondo gli autori della ricerca, queste vulnerabilità dovrebbero essere riconosciute a scuola, invece di essere negate, in modo tale da poter considerare i comportamenti di cyber bullismo come un’occasione per aiutare e sostenere i giovani vulnerabili.

I programmi e i protocolli anti – bullismo proposti dalle scuole dovrebbero affrontare ed esaminare sia le esigenze delle vittime che quelle degli autori di questo comportamento, in modo tale da non contribuire a creare un senso di isolamento di un individuo, con il rischio conseguente che egli si senta frustrato e provi sentimenti di disperazione, spesso associati a comportamenti atti al suicidio negli adolescenti.

Un ultimo elemento emerso dallo studio e fonte di riflessione è la scoperta che gli studenti vittime di cyber bullismo hanno meno probabilità di segnalare e chiedere aiuto rispetto a coloro che sono stati vittime di mezzi più tradizionali, il ché evidenzia l’importanza per il personale scolastico di incoraggiare i ragazzi a chiedere aiuto proprio in relazione a questa problematica sempre più dilagante in un mondo dove la tecnologia fa da padrone.

 

Tratto da PsychCentral

Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: internet web bullismo cyber bullismo;

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Differenze di età (1505990267…

Enzo, 40       Salve da due mesi ho conosciuto una ragazza di 21 anni con cui ho subito legato tantissimo, ci siamo subito innamorati e fre...

avvocato (1505948867148)

valbuena, 29       Sono un giovane avvocato della provincia di Napoli. Sono fidanzato da 8 anni con una ragazza di 25 anni. ...

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

Area Professionale

Consenso informato e preventiv…

Nuovo obbligo di preventivo e Consenso Informato: il delicato intreccio fra correttezza amministrativa e deontologica. In questo articolo dell'Ordine degli psic...

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters