Pubblicità

Contenzioso su psicologia clinica e psicoterapia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 281 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Mercoledì 4 maggio 2005 si è svolto a Roma alla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) l'incontro tra i componenti della Commissione per i problemi della psicologia e psicoterapia - Giacomo Giacomini, Domenico Mangione, Maurizio Mottola, Piero Petrini, Agostino Sussarellu - ed il presidente dell'Ordine Nazionale degli Psicologi (ONP) – Pierangelo Sardi-, il presidente della Commissione Psicoterapia del Ministero dell'Istruzione Università Ricerca (MIUR) –Leonardo Ancona -, il segretario del Coordinamento Nazionale delle Scuole di Psicoterapia (CNSP) –Alberto Zucconi -, gli psichiatri Camillo Loriedo, Francesco Mancini, Luigi Omnis sulle tematiche inerenti la psicologia clinica e la psicoterapia. In apertura il presidente della FNOMCeO - Giuseppe Del Barone - ha rivolto il suo saluto e l'invito a dialogare per l'individuazione di soluzioni che tengano conto delle piene, specifiche e peculiari professionalità.

Recentemente il Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi ha presentato ricorso contro le Università degli Studi di Bari, Bologna, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Siena, Torino, Varese per “la sospensione del bando, nella parte in cui esso prevede e consente l'accesso alla scuola di specializzazione in Psicologia clinica dei Laureati in medicina e chirurgia”.

Invece la sentenza n.1463 del 4 aprile 2005 della VI sezione del Consiglio di Stato ha stabilito che è impossibile unificare le borse di studio per le scuole di specializzazione in Psicologia Clinica, in quanto i laureati in Medicina e Chirurgia ed i laureati in Psicologia hanno gli stessi diritti di accedere al corso di specializzazione e per questo i bandi per le borse di studio devono essere distinti “in relazione alla diversa preparazione culturale dei candidati (…). E' illogico pretendere di unificare le due graduatorie che non sono affatto omogenee e comparabili tra loro (…) Il criterio di ripartizione dei posti dovrà essere necessariamente quello della utilizzazione separata , in misura uguale o anche differenziata. Non è ammessa l'unificazione delle graduatorie , in quanto scaturirebbero risultati del tutto incongrui”.

tratto da Nuova Agenzia Radicale - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

News Letters

0
condivisioni