Pubblicità

COVID-19 può attaccare il sistema nervoso centrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 515 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'umore depresso e l'ansia possono essere sintomi di un impatto di COVID-19 sul cervello

COVID 19 può attaccare il sistema nervoso centrale

Un nuovo studio rileva che l'umore depresso o l'ansia esibiti nei pazienti COVID-19 possono essere un segno che il virus colpisce il sistema nervoso centrale.


Questi due sintomi psicologici erano più strettamente associati a una perdita dell'olfatto e del gusto piuttosto che agli indicatori più gravi del nuovo coronavirus come mancanza di respiro, tosse o febbre, secondo lo studio.

"Se mi chiedessi perché dovrei essere depresso o ansioso quando sono COVID positivo, direi che è perché i miei sintomi sono gravi e ho respiro corto o non riesco a respirare o ho sintomi come tosse o alta febbre ", afferma Ahmad Sedaghat, MD, PhD, professore associato e direttore di rinologia, allergia e chirurgia della base del cranio anteriore, presso il Dipartimento di Otorinolaringoiatria-Chirurgia della testa e del collo della UC College of Medicine.

"Nessuno di questi sintomi che presagivano morbilità o mortalità era associato a quanto fossero depressi o ansiosi questi pazienti", spiega Sedaghat, anche un medico della UC Health specializzato in malattie del naso e dei seni paranasali.

"L'unico elemento di COVID-19 associato a umore depresso e ansia era la gravità della perdita dell'olfatto e del gusto dei pazienti. Questo è un risultato inaspettato e scioccante."

Sedaghat ha condotto uno studio prospettico e trasversale al questionario telefonico che ha esaminato le caratteristiche e i sintomi di 114 pazienti a cui è stato diagnosticato il COVID-19 per un periodo di sei settimane presso il Kantonsspital Aarau di Aarau, Svizzera.

Sono stati valutati la gravità della perdita dell'olfatto o del gusto, l'ostruzione nasale, l'eccessiva produzione di muco, la febbre, la tosse e la mancanza di respiro durante il COVID-19. I risultati dello studio sono disponibili online in The Laryngoscope.

Il primo autore dello studio è Marlene M. Speth, MD, e altri co-autori includono Thirza Singer-Cornelius, MD; Michael Oberle, PhD; Isabelle Gengler, MD; e Steffi Brockmeier, MD.

Al momento dell'iscrizione allo studio, quando i partecipanti presentavano COVID-19, il 47,4% dei partecipanti ha riportato almeno diversi giorni di umore depresso a settimana mentre il 21,1% ha riferito di umore depresso quasi ogni giorno. In termini di gravità, il 44,7% dei partecipanti ha riferito di manifestare lieve ansia mentre il 10,5% ha riferito di grave ansia.

Pubblicità

"La scoperta inaspettata che i sintomi potenzialmente meno preoccupanti di COVID-19 possano causare il maggior grado di disagio psicologico potrebbe potenzialmente dirci qualcosa sulla malattia", afferma Sedaghat. "Pensiamo che i nostri risultati suggeriscano la possibilità che il disagio psicologico sotto forma di umore depresso o ansia possa riflettere la penetrazione di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, nel sistema nervoso centrale".

Sedaghat afferma che i ricercatori hanno a lungo pensato che il tratto olfattivo potrebbe essere il modo principale in cui i coronavirus entrano nel sistema nervoso centrale. Ne sono emerse prove con la SARS, o sindrome respiratoria acuta grave, una malattia virale emersa per la prima volta in Cina nel novembre 2002 e diffusa attraverso i viaggi internazionali in 29 paesi.

Studi condotti utilizzando modelli murini di quel virus hanno dimostrato che il tratto olfattivo, o la via per la comunicazione degli odori dal naso al cervello, costituiva una porta di accesso al sistema nervoso centrale e all'infezione del cervello.

"Questi sintomi di disagio psicologico, come l'umore depresso e l'ansia sono sintomi del sistema nervoso centrale solo se associati a diminuzione dell'olfatto", afferma Sedaghat.

"Ciò può indicare che il virus sta infettando i neuroni olfattivi, diminuendo il senso dell'olfatto e quindi utilizzando il tratto olfattivo per entrare nel sistema nervoso centrale."

Sono stati descritti rari ma gravi sintomi del sistema nervoso centrale con COVID-19 come convulsioni o alterazione dello stato mentale, ma umore depresso e ansia possono essere il sintomo a livello di sistema nervoso centrale considerevolmente più comune ma più lieve di COVID-19, spiega Sedaghat.

"Potrebbe esserci una maggiore penetrazione del virus nel sistema nervoso centrale di quanto pensiamo in base alla prevalenza di umore e ansia depressi associati all'olfatto e questo apre davvero le porte a future indagini per vedere come il virus potrebbe interagire con il sistema nervoso centrale", dice Sedaghat.

Per lo studio del questionario telefonico trasversale: il questionario sulla salute del paziente a due voci (PHQ-2) e il questionario sul disturbo d'ansia generalizzato a due voci (GAD-2) sono stati usati per misurare l'umore depresso e il livello di ansia, rispettivamente durante COVID-19 e per lo stato pre-COVID-19 di base dei partecipanti.
 

Reference:

Marlene M. Speth, Thirza Singer‐Cornelius, Michael Oberle, Isabelle Gengler, Steffi J. Brockmeier, Ahmad R. Sedaghat. Mood, anxiety and olfactory dysfunction in COVID‐19: evidence of central nervous system involvement? The Laryngoscope, 2020; DOI: 10.1002/lary.28964

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters

0
condivisioni