Pubblicità

COVID-19 può attaccare il sistema nervoso centrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 337 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'umore depresso e l'ansia possono essere sintomi di un impatto di COVID-19 sul cervello

COVID 19 può attaccare il sistema nervoso centrale

Un nuovo studio rileva che l'umore depresso o l'ansia esibiti nei pazienti COVID-19 possono essere un segno che il virus colpisce il sistema nervoso centrale.


Questi due sintomi psicologici erano più strettamente associati a una perdita dell'olfatto e del gusto piuttosto che agli indicatori più gravi del nuovo coronavirus come mancanza di respiro, tosse o febbre, secondo lo studio.

"Se mi chiedessi perché dovrei essere depresso o ansioso quando sono COVID positivo, direi che è perché i miei sintomi sono gravi e ho respiro corto o non riesco a respirare o ho sintomi come tosse o alta febbre ", afferma Ahmad Sedaghat, MD, PhD, professore associato e direttore di rinologia, allergia e chirurgia della base del cranio anteriore, presso il Dipartimento di Otorinolaringoiatria-Chirurgia della testa e del collo della UC College of Medicine.

"Nessuno di questi sintomi che presagivano morbilità o mortalità era associato a quanto fossero depressi o ansiosi questi pazienti", spiega Sedaghat, anche un medico della UC Health specializzato in malattie del naso e dei seni paranasali.

"L'unico elemento di COVID-19 associato a umore depresso e ansia era la gravità della perdita dell'olfatto e del gusto dei pazienti. Questo è un risultato inaspettato e scioccante."

Sedaghat ha condotto uno studio prospettico e trasversale al questionario telefonico che ha esaminato le caratteristiche e i sintomi di 114 pazienti a cui è stato diagnosticato il COVID-19 per un periodo di sei settimane presso il Kantonsspital Aarau di Aarau, Svizzera.

Sono stati valutati la gravità della perdita dell'olfatto o del gusto, l'ostruzione nasale, l'eccessiva produzione di muco, la febbre, la tosse e la mancanza di respiro durante il COVID-19. I risultati dello studio sono disponibili online in The Laryngoscope.

Il primo autore dello studio è Marlene M. Speth, MD, e altri co-autori includono Thirza Singer-Cornelius, MD; Michael Oberle, PhD; Isabelle Gengler, MD; e Steffi Brockmeier, MD.

Al momento dell'iscrizione allo studio, quando i partecipanti presentavano COVID-19, il 47,4% dei partecipanti ha riportato almeno diversi giorni di umore depresso a settimana mentre il 21,1% ha riferito di umore depresso quasi ogni giorno. In termini di gravità, il 44,7% dei partecipanti ha riferito di manifestare lieve ansia mentre il 10,5% ha riferito di grave ansia.

Pubblicità

"La scoperta inaspettata che i sintomi potenzialmente meno preoccupanti di COVID-19 possano causare il maggior grado di disagio psicologico potrebbe potenzialmente dirci qualcosa sulla malattia", afferma Sedaghat. "Pensiamo che i nostri risultati suggeriscano la possibilità che il disagio psicologico sotto forma di umore depresso o ansia possa riflettere la penetrazione di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, nel sistema nervoso centrale".

Sedaghat afferma che i ricercatori hanno a lungo pensato che il tratto olfattivo potrebbe essere il modo principale in cui i coronavirus entrano nel sistema nervoso centrale. Ne sono emerse prove con la SARS, o sindrome respiratoria acuta grave, una malattia virale emersa per la prima volta in Cina nel novembre 2002 e diffusa attraverso i viaggi internazionali in 29 paesi.

Studi condotti utilizzando modelli murini di quel virus hanno dimostrato che il tratto olfattivo, o la via per la comunicazione degli odori dal naso al cervello, costituiva una porta di accesso al sistema nervoso centrale e all'infezione del cervello.

"Questi sintomi di disagio psicologico, come l'umore depresso e l'ansia sono sintomi del sistema nervoso centrale solo se associati a diminuzione dell'olfatto", afferma Sedaghat.

"Ciò può indicare che il virus sta infettando i neuroni olfattivi, diminuendo il senso dell'olfatto e quindi utilizzando il tratto olfattivo per entrare nel sistema nervoso centrale."

Sono stati descritti rari ma gravi sintomi del sistema nervoso centrale con COVID-19 come convulsioni o alterazione dello stato mentale, ma umore depresso e ansia possono essere il sintomo a livello di sistema nervoso centrale considerevolmente più comune ma più lieve di COVID-19, spiega Sedaghat.

"Potrebbe esserci una maggiore penetrazione del virus nel sistema nervoso centrale di quanto pensiamo in base alla prevalenza di umore e ansia depressi associati all'olfatto e questo apre davvero le porte a future indagini per vedere come il virus potrebbe interagire con il sistema nervoso centrale", dice Sedaghat.

Per lo studio del questionario telefonico trasversale: il questionario sulla salute del paziente a due voci (PHQ-2) e il questionario sul disturbo d'ansia generalizzato a due voci (GAD-2) sono stati usati per misurare l'umore depresso e il livello di ansia, rispettivamente durante COVID-19 e per lo stato pre-COVID-19 di base dei partecipanti.
 

Reference:

Marlene M. Speth, Thirza Singer‐Cornelius, Michael Oberle, Isabelle Gengler, Steffi J. Brockmeier, Ahmad R. Sedaghat. Mood, anxiety and olfactory dysfunction in COVID‐19: evidence of central nervous system involvement? The Laryngoscope, 2020; DOI: 10.1002/lary.28964

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Nausea

E' una sensazione di malessere e fastidio allo stomaco che può precedere il vomito.  Di solito la nausea si presenta nel momento in cui mangiamo qualcos...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni