Pubblicità

Crisi del settimo anno, depressa una coppia su 3

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 349 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il settimo anno di matrimonio conferma la sua fama negativa tanto da essere portatore non solo di una generica crisi ma anche di depressione per una coppia su tre, che dopo la fatidica data, si trova a vivere la condizione di profondo disagio. La colpa, secondo gli esperti dell'Istituto di Psicologia Clinica Stendoro di Milano, è della tensione e dello stress. La depressione 'imprigiona' in qualche periodo della vita non solo il 35% delle coppie dopo i sette anni di matrimonio ma anche, tra i 30 e i 65 anni, un uomo su otto e una donna su quattro, il 20% oltre i 65 anni, il 7% dei giovani fra 17 e 29 anni e il 4% dei ragazzi da 6 a 16 anni. Tensione psicologica e stress - hanno notato Renzo Rocca e Giorgio Stendoro - sono oggi compagni sempre più assidui della vita delle persone, indipendentemente dalla professione e dall' età: "e la correlazione tra la continua tensione e il crollo dell' equilibrio psicologico porta a dolorose esperienze, che possono trascinarsi per lunghi periodi della vita". Secondo gli esperti, poi, lo stato d'animo depressivo "inganna le forze energetiche del corpo e della psiche. E anche la salute del corpo, strettamente legata a un'armonia interiore e al benessere psicologico, risente inevitabilmente del dolore morale".

I componenti delle forze dell'ordine, cui è stata dedicata una parte dell'incontro, sono esposti a episodi di malessere psicologico "proprio perché - secondo gli esperti dell' Istituto di Psicologia Clinica - lavorano in continue condizioni di stress. E le situazioni predisponenti vanno dall'accumulo di sensi di colpa nei confronti dei familiari (cui non si può dedicare tutto il tempo desiderato) e dei colleghi di lavoro, all'impossibilità a volte di dare soluzione a comportamenti pericolosi o trasgressivi.

Ma anche il rischiare costantemente la vita mette a dura prova l'equilibrio somato-psichico. Inoltre il soggetto può arrivare a non credere più nelle proprie capacità e a provare di conseguenza una progressiva disistima verso di sè.

Secondo Rocca e Stendoro "ai primi campanelli d'allarme sarebbe opportuno ricorrere a un aiuto psicologico di counseling, breve esperienza personalizzata che migliora in forma abbastanza stabile (70-80%) la geografia interiore. Si tratta - hanno aggiunto - di lavorare con l'inconscio, eterno dispensatore di risorse trasformative". E la tecnica terapeutica proposta è quella basata sul 'mondo dell'immaginariò: "Una via - hanno concluso - per rientrare in un dialogo con se stessi e riparare traumi e lacerazioni interiori". (Red)

 

Articolo interamente tratto da"Kataweb-news" dell' 8.11.02

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni