Pubblicità

Cruciverba, e la mente resta in forma

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1452 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Quante volte abbiamo creduto che per mantenerci in forma si debba trovare chissà quale rimedio o chissà che marchingegno, e così, spesso, ci dimentichiamo come infine possano essere le attività più semplici quelle che possono davvero aiutarci. Attività come assemblare puzzle, risolvere cruciverba – ma anche dedicarsi al giardinaggio – possono aiutarci a vivere meglio e più in salute. Secondo alcuni ricercatori, persino cantare e fare – ogni tanto – uno spuntino di mezzanotte può farci sentire meglio e prevenire, per esempio, la demenza senile.

 

 

La demenza è caratterizzata da un peggioramento delle funzioni mentali a livello di linguaggio, memoria, giudizio e orientamento. Esistono demenze di diversa entità; tra le forme più gravi e conosciute vi è probabilmente la malattia di Alzheimer.
Ora, secondo alcuni ricercatori tedeschi, è possibile rinforzare le proprie abilità mentali aggiungendo alla vita quotidiana un pizzico di “gioco”. Dal Sudoku al cruciverba, queste attività aiutano a mantenere in forma anche il cervello.
La ricerca conferma vecchi studi che volevano il “giocatore incallito” a prova di demenza.

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Sexting

Il termine "sexting" letteralmente deriva dalla fusione di due parole inglesi "sex" (sesso) e "texting" (inviare messaggi). Il "sesso virtuale", traduzione ita...

News Letters

0
condivisioni