Pubblicità

Cuore e depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 495 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Il legame tra depressione ed alterazioni patologiche della funzionalità cardiaca è oggi un dato acquisito, anche in seguito alle numerose ricerche condotte negli ultimi anni sull'argomento; nuovi studi ribadiscono questo collegamento e ne approfondiscono la natura in particolare per quanto riguarda l'insorgenza del disturbo depressivo in seguito all'attacco cardiaco. Ricercatori della Utah University (Usa) hanno presentato nei giorni scorsi presso la American Heart Association Scientific Session uno studio in cui si mostra che in oltre il 42% dei casi di infarto cardiaco si sviluppano disturbi depressivi di vario tipo ed intensità. Tale disturbo psichico avrebbe in seguito un peso considerevole nel determinare un ulteriore aggravamento delle condizioni di salute generali dei soggetti predisponendoli maggiormente al rischio di ricadute e intensificazioni delle patologie cardiache e quindi a nuove ospedalizzazioni.

La ricerca in questione è stata mirata per individuare le caratteristiche tipiche di pazienti con sofferenza cardiaca a rischio depressivo. Allo scopo sono stati utilizzati strumenti testistici quali alcuni inventari di personalità (tra cui il BDI - Beck Depression Inventory) che hanno inoltre permesso di ottenere una ampia gamma di punteggi corrispondenti alle diverse intensità delle forme depressive riscontrate nel campione sperimentale, composto da circa 180 soggetti tra uomini e donne.

I risultati della ricerca hanno mostrato che i soggetti più a rischio nel cadere in depressione in seguito a problemi di sofferenza cardiaca sono donne, che superano gli uomini in misura del 36% contro il 24%. Inoltre sono più frequentemente single o anche conviventi, ma non coniugate, ed appartenenti a fasce di reddito medio-basse. Lo studio ha inoltre evidenziato come molti di questi pazienti non vengano solitamente diagnosticati come depressi.

Questi risultati sono stati comparati con quelli ottenuti in una seconda recente ricerca statunitense sulle stesse tematiche (denominata "Mind-it", su un campione molto più esteso di oltre 1250 soggetti con patologia cardiaca postinfartuale) ed è stato confermato come la durata del disturbo depressivo possa perdurare in termini di malessere accentuato fino ad oltre un anno dall'accadimento dell'attacco cardiaco. In questo secondo studio è stato rilevato che il 27% circa dei soggetti sviluppi forme depressive durante l'ospedalizzazione seguente all'attacco cardiaco, il 10% entro i tre mesi seguenti ed un altro 10% tra i 6 mesi ed un anno successivi al ricovero. Si osserva inoltre che con l'intensificarsi del vissuto depressivo, la sintomatologia depressiva subisce un cambiamento qualitativo passando da sintomi prevalentemente somatici come stanchezza e riduzione della libido a sintomi inerenti maggiormente la sfera cognitivo-motivazionale e quella dell'umore.

(tratto da :" Depression After Heart Attack" - Ivanhoe Broadcast News - Nov.2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni