Pubblicità

Cura il cuore, salvi la memoria

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 332 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO- Curare un organo per preservarne un altro. È questo il messaggio che emerge da uno studio pubblicato dalla prestigiosa rivista Neurology. Secondo un'analisi, opera dei ricercatori della University of East Anglia, in Inghilterra, chi soffre di fibrillazione atriale, specie dopo un infarto, sembrerebbe essere più predisposto a sviluppare problemi di memoria.
La fibrillazione atriale è una delle più comuni forme di aritmia cardiaca. Secondo le ultime statistiche a soffrirne sarebbe circa l'1-2% della popolazione.

 

Poco presente nei bambini e negli adolescenti, oltre gli 85 anni la percentuale raggiunge valori prossimi al 18%. Le cause di questa anomalia sono molte. Stress, abuso di alcol, cardiopatie congenite e ipertiroidismo sono solo alcune delle principali.
La ricerca, frutto di un'analisi che ha tenuto conto dei risultati pubblicati negli ultimi anni in ben 15 differenti studi, e che ha visto la partecipazione di più di 46 mila persone di età media intorno ai 70 anni, ha voluto indagare in maniera più approfondita l'eventuale associazione tra fibrillazione atriale e presenza di sintomi riconducibili alla demenza senile. Questo perché alcuni studi passati sembrano avallare tale ipotesi.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

News Letters

0
condivisioni