Pubblicità

Cure psicologiche nelle patologie tumorali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 366 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nonostante negli ultimi anni si sia assistito ad un sempre maggiore incremento delle ricerche sugli aspetti terapeutici più strettamente psicologici riguardo alle patologie tumorali, l’approccio con il paziente rimane tuttavia ancora poco sviluppato in termini di strutturazione di modelli operativi standardizzati e abitudine all’inserimento stabile di questi negli usuali trattamenti sanitari effettuati in simili casi. Per migliorare la qualità dell’approccio terapeutico psicologico a queste patologie i ricercatori del National Health and Medical Research Council National Breast Cancer Center, un istituto per lo studio del tumore al seno sorto in Australia, hanno utilizzato protocolli di intervento psicologico integrati su queste pazienti basandosi su modelli operativi derivati da studi di psicologia clinica e di intervento sociale.
Tali interventi, specifici per la patologia tumorale al seno, sono stati testati precedentemente in diversi centri sanitari australiani per la cura di questa malattia coinvolgendo circa 200 donne sofferenti di questa forma tumorale in forma iniziale o avanzata.

Dalla somministrazione dei protocolli di indagine, che comprendevano vari questionari e tests psicodiagnostici, si è rilevato che quasi il 40% delle donne con questa patologia tende a sviluppare disordini psicologici di vario tipo e intensità nei primi mesi successivi alla diagnosi.
Inoltre sono percentualmente molto elevate le difficoltà riscontrate in generale da queste pazienti in ambito sociale; troppo poche infatti vengono solitamente indirizzate in adeguati servizi di consulenza psicologica e di assistenza sociale, laddove la possibilità di un supporto di questo tipo dovrebbe essere invece la norma.

(tratto da:”Researchers Study Factors Affecting Specialist Breast nurses Detection of Psychological Morbidity in Breast Cancer Patients “ - FaxWatch Inc. – Nov.2001 )

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni