Pubblicità

Cyberbullismo. Le ore spese online sono un campanello d'allarme.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 663 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Una nuova ricerca suggerisce che l'aumento delle ore trascorse online potrebbe essere associato a comportamenti di cyberbullismo. Secondo uno studio dell'Università della Georgia, a punteggi più alti nella dipendenza dai social media corrisponderebbero un maggiore numero di ore trascorse online oltre all'identificazione con la figura maschile, sarebbero elementi predittivi, in modo significativo, della presenza di cyberbullismo negli adolescenti.

Cyberbullismo. Le ore online sono un campanello dallarme

"Ci sono alcune persone che si dedicano al cyberbullismo online rifugiandosi nell'anonimato e nella errata convinzione che all'interno del web non esistano ritorsioni", ha affermato Amanda Giordano, ricercatrice dello studio e professoressa associata presso l'UGA Mary Frances Early College of Education. Lo studio ha esaminato adolescenti di età compresa tra i 13 ei 19 anni. Delle 428 persone intervistate, 214 si sono identificate come donne, 210 si sono identificate come maschi e 4 come altro.

Il cyberbullismo può assumere molte forme, inclusi attacchi personali, molestie o comportamenti discriminatori, diffusione di informazioni diffamatorie, travisamento online, diffusione di informazioni private, esclusione sociale e cyberstalking.

Esplorare la dipendenza dai social media

Quando gli adolescenti sono online, si adattano a un diverso insieme di norme sociali rispetto a quando interagiscono di persona con i loro coetanei. Spesso sono più aggressivi o critici sui social media a causa dell'anonimato che hanno online, molto spesso con profili fake avvalorandosi della loro capacità di evitare ritorsioni. Inoltre, i cyberbulli possono provare meno rimorso o empatia quando si impegnano in questi comportamenti perché non possono vedere e comprendere bene l'impatto diretto delle loro azioni.

"L'autore della violenza non ha la possibilità di vedere quanto sia dannoso il proprio bullismo e di imparare dai propri errori e fare qualcosa di diverso", ha affermato Giordano. "È una situazione spaventosa perché non hanno idea delle conseguenze delle loro azioni nemmeno con il bullismo offline".

Gli adolescenti che sono dipendenti dai social media hanno maggiori probabilità di partecipare al cyberbullismo, così come quelli che trascorrono più tempo online. I partecipanti allo studio hanno riferito di aver trascorso in media più di sette ore online al giorno e la media massima riportata di ore trascorse online in un giorno è stata di oltre 12 ore.

Pubblicità

"Questo è il filo conduttore che vediamo nelle dipendenze comportamentali: le persone iniziano a fare affidamento su un comportamento gratificante come un modo per farle sentire meglio quando provano emozioni negative. E quindi, penso che lo studio sulla dipendenza dai social media sia davvero interessante per mostrare che qui c'è un altro fattore in gioco oltre al numero di ore trascorse online".

Lo studio ha anche scoperto che i maschi adolescenti hanno maggiori probabilità di partecipare al cyberbullismo rispetto alle femmine, in linea con gli studi precedenti che mostrano che i comportamenti aggressivi tendono ad essere più guidati dal sesso maschile.

Prossimi passi per consulenti e psicologi

Gli autori dello studio ritengono che gli Psicologi debbano iniziare a valutare/osservare gli adolescenti che soffrono di una dipendenza dai social media se sono coinvolti nel cyberbullismo e fornire dei piani di trattamento per ridefinire il loro rapporto con la tecnologia. Questi interventi possono aiutare gli adolescenti ad esaminare la loro autostima e limitare la quantità di tempo che trascorrono sulle piattaforme dei social media.

"Penso che quando gli psicologi osservino degli episodi di cyberbullismo accadere, debbano esplorare la relazione dell'individuo con i social media e affrontarne la possibile dipendenza, oltre al cyberbullismo" ha affermato Giordano.

Spesso, i consulenti scolastici non sono a conoscenza del cyberbullismo fino a quando non si è verificato un incidente. Per affrontare questo problema, Giordano consiglia alle scuole di iniziare a istruire gli studenti prima sul cyberbullismo e sulla dipendenza dai social media come metodo preventivo invece di aspettare di riparare il danno. Che si tratti di una campagna di sensibilizzazione o di un gruppo di sostegno, le scuole possono aiutare gli studenti a parlare di cyberbullismo per dare loro la possibilità di comprendere le conseguenze delle loro azioni e prepararli a potenziali rischi.

Pubblicità

 

"Abbiamo bisogno che scuole e consulenti scolastici svolgano questo lavoro di prevenzione precocemente e istruiscano gli studenti sul rischio di dipendenza con alcuni di questi comportamenti gratificanti come i giochi e i social media, dobbiamo insegnare loro primi segnali della dipendenza comportamentale, cosa fare se iniziano a sentirsi come se stessero perdendo il controllo sui loro comportamenti e aiutarli a trovare altri modi per gestire le loro emozioni, piuttosto che rivolgersi a questi comportamenti. Ci sono molti programmi si stanno già muovendo in questa direzione, e penso che sia fantastico e ce ne sia bisogno di più" ha riferito uno degli autori.

I consulenti possono aiutare a ridurre il rischio di alcuni di questi comportamenti di dipendenza in giovane età insegnando e fornendo ai ragazzi la capacità di regolazione emotiva e altri modi per affrontare i loro sentimenti.

 

 

Riferimento:

  • Amanda L. Giordano, Elizabeth A. Prosek, Joshua C. Watson. Understanding Adolescent Cyberbullies: Exploring Social Media Addiction and Psychological Factors. Journal of Child and Adolescent Counseling, 2021; 7 (1): 42 DOI: 10.1080/23727810.2020.1835420

 

 

 

 

(a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: adolescenti online cyberllismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni