Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Danni cerebrali correlati al consumo eccessivo di alcool

on . Postato in News di psicologia

Sebbene bere alcool sia un comportamento culturalmente accettato in molti paesi del mondo, il suo eccessivo consumo può causare conseguenze disastrose sia a breve che a lungo termine, in particolar modo fra gli adolescenti.

eccessivo consumo di alcool e danni cerebrali

È risaputo che ai ragazzi piaccia divertirsi e bere alcolici senza preoccuparsi degli effetti che questi possono provocare alla loro salute.

Durante l’adolescenza, infatti, questo tipo di attività è piuttosto comune: circa il 25% degli studenti del liceo, negli Stati Uniti, hanno riferito agli autori di questa ricerca di essersi ubriacati nell’ultimo mese.

Una nuova piccola rassegna ha esaminato gli effetti dell’eccessivo consumo di alcool tra i giovani ed, in particolare, come questo tipo di comportamento influenzi la salute del cervello.

Anita Cservenka, professoressa presso l’Oregon State University ha affermato che, dato l’aumento del binge ed heavy drinking nei giovani, sarebbe molto importante comprendere quali sono gli effetti del consumo di grandi quantità di alcool sullo sviluppo neurale e sulle abilità cognitive degli adolescenti.

Il presente studio è stato pubblicato sulla rivista Frontiers of Psychology.

Bere in maniera eccessiva e smodata l’alcool è equivalente ad un consumo di alcolici pari a quattro o più drinks, durante un tempo non superiore alle due ore, per le ragazze, e di cinque o più bevande alcoliche per i ragazzi, sempre in un range di due ore.

Questa rassegna mette in evidenza i risultati degli studi precedenti, inerenti gli effetti nocivi di tale abitudine alimentare, con lo scopo di fornire un quadro di riferimento maggiormente chiaro per l’esecuzione di futuri studi.

Pubblicità

Più nello specifico, i ricercatori hanno esaminato sei aree (- inibizione della risposta; - memoria di lavoro; - apprendimento verbale e memoria; - processo decisionale e ricompensa; - reattività alcolica; - elaborazione socio-cognitivo/socio-emotivo), per determinare l’impatto deleterio dell’eccessiva assunzione di alcool sulla risposta cerebrale.

I risultati hanno mostrato una associazione fra binge drinking nei giovani e un assottigliamento o una riduzione di diverse aree corticali e sottocorticali del cervello, quali quelle che svolgono un ruolo chiave nella memoria, nell’attenzione, nel linguaggio, nella consapevolezza e nella coscienza.

Prendendo come esempio l’apprendimento e la memoria, gli studi hanno dimostrato che bere eccessivamente conduce ad un deficit nella capacità degli adolescenti di apprendere parole nuove, a causa dei cambiamenti che avvengono nell’attività cerebrale.

Guardando in una prospettiva più a lungo termine, le alterazioni del cervello dovute all’assunzione di troppo alcool, durante l’adolescenza e la giovane età adulta, potrebbero comportare un aumento del rischio di sviluppare un vero e proprio disturbo collegato all’abuso di alcool.

I ricercatori ritengono, dunque, che sia necessario sensibilizzare i giovani sui rischi dell’alcool e promuovere futuri studi in quest’ambito.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

Tags: adolescenti alcool consumo di alcool danni cerebrali; binge drinking;

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters