Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Danni cerebrali correlati al consumo eccessivo di alcool

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1969 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Sebbene bere alcool sia un comportamento culturalmente accettato in molti paesi del mondo, il suo eccessivo consumo può causare conseguenze disastrose sia a breve che a lungo termine, in particolar modo fra gli adolescenti.

eccessivo consumo di alcool e danni cerebrali

È risaputo che ai ragazzi piaccia divertirsi e bere alcolici senza preoccuparsi degli effetti che questi possono provocare alla loro salute.

Durante l’adolescenza, infatti, questo tipo di attività è piuttosto comune: circa il 25% degli studenti del liceo, negli Stati Uniti, hanno riferito agli autori di questa ricerca di essersi ubriacati nell’ultimo mese.

Una nuova piccola rassegna ha esaminato gli effetti dell’eccessivo consumo di alcool tra i giovani ed, in particolare, come questo tipo di comportamento influenzi la salute del cervello.

Anita Cservenka, professoressa presso l’Oregon State University ha affermato che, dato l’aumento del binge ed heavy drinking nei giovani, sarebbe molto importante comprendere quali sono gli effetti del consumo di grandi quantità di alcool sullo sviluppo neurale e sulle abilità cognitive degli adolescenti.

Il presente studio è stato pubblicato sulla rivista Frontiers of Psychology.

Bere in maniera eccessiva e smodata l’alcool è equivalente ad un consumo di alcolici pari a quattro o più drinks, durante un tempo non superiore alle due ore, per le ragazze, e di cinque o più bevande alcoliche per i ragazzi, sempre in un range di due ore.

Questa rassegna mette in evidenza i risultati degli studi precedenti, inerenti gli effetti nocivi di tale abitudine alimentare, con lo scopo di fornire un quadro di riferimento maggiormente chiaro per l’esecuzione di futuri studi.

Pubblicità

Più nello specifico, i ricercatori hanno esaminato sei aree (- inibizione della risposta; - memoria di lavoro; - apprendimento verbale e memoria; - processo decisionale e ricompensa; - reattività alcolica; - elaborazione socio-cognitivo/socio-emotivo), per determinare l’impatto deleterio dell’eccessiva assunzione di alcool sulla risposta cerebrale.

I risultati hanno mostrato una associazione fra binge drinking nei giovani e un assottigliamento o una riduzione di diverse aree corticali e sottocorticali del cervello, quali quelle che svolgono un ruolo chiave nella memoria, nell’attenzione, nel linguaggio, nella consapevolezza e nella coscienza.

Prendendo come esempio l’apprendimento e la memoria, gli studi hanno dimostrato che bere eccessivamente conduce ad un deficit nella capacità degli adolescenti di apprendere parole nuove, a causa dei cambiamenti che avvengono nell’attività cerebrale.

Guardando in una prospettiva più a lungo termine, le alterazioni del cervello dovute all’assunzione di troppo alcool, durante l’adolescenza e la giovane età adulta, potrebbero comportare un aumento del rischio di sviluppare un vero e proprio disturbo collegato all’abuso di alcool.

I ricercatori ritengono, dunque, che sia necessario sensibilizzare i giovani sui rischi dell’alcool e promuovere futuri studi in quest’ambito.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: adolescenti alcool consumo di alcool danni cerebrali; binge drinking;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Sorella cattiva (1525386993641…

Mary, 36     Chiedo un consiglio, come affrontare una situazione che mia sorella, anni 30, ha creato. ...

Crisi di nervi (1525262146654)

LISA, 31     Sono sposata e con una bimba di 3 anni... premetto che con mio marito le cose non sono andate mai molto bene da subito dopo il matri...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

News Letters

0
condivisioni