Pubblicità

Deficit d'attenzione e iperattività, i farmaci fanno male?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 284 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I farmaci come il ritalin per la sindrome da deficit di attenzione e iperattività aumenterebbero il rischio cardiovascolare e potrebbero causare morti improvvise, attacchi cardiaci e altre complicazioni . È l’avvertimento che si deve diffondere, ha denunciato Peter Gross, direttore della Medicina interna all'Hackensack University Medical Center in New Jersey, anche se ancora non si hanno dati certi sugli effetti fatali di queste sostanze che sono state oggetto dell'attenzione di una commissione.

La Food and Drug Administration, l’organo statunitense di controllo sui farmaci, ha dichiarato dal canto suo che prenderà in considerazione le raccomandazioni espresse dalla commissione. Ma, ha rilevato, non bisogna creare allarme ingiustificato e prematuro. Le affermazioni circa presunti effetti avversi a carico del sistema cardiovascolare per i pazienti che ne fanno uso dovranno dunque essere verificate in modo puntuale con nuove ricerche.

 

Tratto da "Yahoo.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni