Pubblicità

Demenza e depressione, le future minacce al nostro cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 478 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Demenze e depressione entro il 2020 saranno tra le malattie più diffuse a livello mondiale. A lanciare l’allarme è l’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità che definisce la prima come una “priorità sanitaria globale”, mentre indica la depressione come la seconda causa – tra le malattie croniche ed entro il 2020 – di disabilità, in questo caso intesa come disagio sociale.
È anche per capire meglio il funzionamento di queste malattie, che avranno un’incidenza sempre più alta in un futuro non così lontano, che è stato avviato nel gennaio 2013 il più grande progetto europeo di Big Science sul cervello, lo Human Brain Project. L’obiettivo è realizzare entro il 2023 (grazie al miliardo di euro dell’Unione Europea messo a disposizione dei 90 centri di ricerca) un computer in grado di simulare il funzionamento del cervello umano. Si tratta di un progetto ambizioso seguito a ruota dal Brain Initiative, il cugino americano voluto dall’amministrazione Obama.
Approfittiamo della Settimana mondiale del cervello (da lunedì 10 a domenica 16 marzo) per fare il punto su depressione e demenza.

La demenza
La demenza non è una malattia legata al Primo e Secondo mondo. Con una relazione congiunta, l’Oms e l’Alzheimer’s Didease International (Adi) sfatano un mito (confermato anche al Rapporto Mondiale sull’Alzheimer 2013) e forniscono dati preoccupanti. Nel 2011 circa 35,6 milioni di persone in tutto il mondo erano affette da demenza. In base ai dati a disposizione, si ipotizza che questo numero raddoppi entro il 2030 e triplichi entro il 2050, superando i 115 milioni di malati.

 

 

Tratto da www.wired.it - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

News Letters

0
condivisioni