Pubblicità

Denominare le emozioni ne riduce l’intensità. Neuroscienza e psicoterapia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 385 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una recente ricerca dell’ UCLA apparsa su Psychological Science ha dimostrato sperimentalmente che esprimere le proprie emozioni, verbalizzandole, ne riduce l’impatto e l’intensità, soprattutto se si tratta di emozioni negative. Trenta persone, 18 donne e 12 uomini di età compresa fra i 18 e i 36 sono state reclutate dal UCLA's Ahmanson-Lovelace Brain Mapping Center. L’esperimento è consistito nel far visionare ai soggetti fotografie di volti che esprimevano emozioni.

Sotto ognuno di questi volti erano presenti o due parole come “arrabbiato” e “impaurito” ( e ai soggetti era richiesto di scegliere quale delle due emozioni era espressa dal volto osservato) o due nomi come “Harry” e “Sally” (e ai soggetti era richiesto di scegliere quale dei due nomi si appaiava meglio rispetto al genere maschio-femmina del volto osservato). Una risonanza magnetica funzionale ha seguito il “lavorio” del cervello dei soggetti nello svolgere il compito rilevando che: nella situazione di denominazione delle emozioni effettuata attribuendo le parole “arrabbiato” o “impaurito” ai rispettivi volti, l’amigdala si attivava in misura inferiore rispetto alla situazione di attribuzione del nome proprio. Inoltre solo nel primo caso si attivava un’altra area del cervello: la corteccia prefrontale vetrolaterale destra.

Tratto da "Psicocafe.blogosfere.it"- prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Le parole della Psicologia

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Sexting

Il termine "sexting" letteralmente deriva dalla fusione di due parole inglesi "sex" (sesso) e "texting" (inviare messaggi). Il "sesso virtuale", traduzione ita...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni