Pubblicità

Denominare le emozioni ne riduce l’intensità. Neuroscienza e psicoterapia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 253 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una recente ricerca dell’ UCLA apparsa su Psychological Science ha dimostrato sperimentalmente che esprimere le proprie emozioni, verbalizzandole, ne riduce l’impatto e l’intensità, soprattutto se si tratta di emozioni negative. Trenta persone, 18 donne e 12 uomini di età compresa fra i 18 e i 36 sono state reclutate dal UCLA's Ahmanson-Lovelace Brain Mapping Center. L’esperimento è consistito nel far visionare ai soggetti fotografie di volti che esprimevano emozioni.

Sotto ognuno di questi volti erano presenti o due parole come “arrabbiato” e “impaurito” ( e ai soggetti era richiesto di scegliere quale delle due emozioni era espressa dal volto osservato) o due nomi come “Harry” e “Sally” (e ai soggetti era richiesto di scegliere quale dei due nomi si appaiava meglio rispetto al genere maschio-femmina del volto osservato). Una risonanza magnetica funzionale ha seguito il “lavorio” del cervello dei soggetti nello svolgere il compito rilevando che: nella situazione di denominazione delle emozioni effettuata attribuendo le parole “arrabbiato” o “impaurito” ai rispettivi volti, l’amigdala si attivava in misura inferiore rispetto alla situazione di attribuzione del nome proprio. Inoltre solo nel primo caso si attivava un’altra area del cervello: la corteccia prefrontale vetrolaterale destra.

Tratto da "Psicocafe.blogosfere.it"- prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

News Letters

0
condivisioni