Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Deontologia medica: l'Europa non è ancora unita

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 208 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


L’Europa è unita ma non nella pratica deontologica, o almeno non ancora. I medici europei non hanno un codice deontologico comune, il che equivale a dire che i medici non sono uguali tra loro soprattutto nei confronti delle leggi e della regolamentazione della professione.

Nel tentativo di stabilire un contatto tra tutte le realtà europee si terrà a Sanremo, il 15 e 16 aprile prossimi, una due giorni organizzata dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMceO) che vedrà impegnati nel confronto medici e associazioni europee in un simposio dal titolo “Un Codice europeo di deontologia medica: utopia o realtà?".

“La mobilità è una regola del nostro mercato e in questo senso l’Europa unita anche per i medici rappresenta una grande potenzialità”, ha dichiarato Gian Maria Righetti responsabile del Settore Esteri della FNOMCeO. “Già oggi succede che un medico italiano possa andare ad esercitare la professione in un’altra nazione. L’Inghilterra, per esempio, dove ci sono pochi medici, accoglie regolarmente per i fine settimana dei medici ungheresi che si spostano per lavorare (riuscendo a guadagnare cifre che in patria richiederebbero due mesi di lavoro) per poi rientrare nelle loro cliniche e svolgere un’attività regolare per il resto della settimana”, aggiunge Righetti; “ il punto è che le regole deontologiche e, soprattutto, le leggi spesso non sono paragonabili nei diversi paesi e il medico si ritrova in una situazione confusa”.

 

Tratto da Yahoo! Salute - prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

News Letters

0
condivisioni