Pubblicità

Deontologia medica: l'Europa non è ancora unita

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 235 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


L’Europa è unita ma non nella pratica deontologica, o almeno non ancora. I medici europei non hanno un codice deontologico comune, il che equivale a dire che i medici non sono uguali tra loro soprattutto nei confronti delle leggi e della regolamentazione della professione.

Nel tentativo di stabilire un contatto tra tutte le realtà europee si terrà a Sanremo, il 15 e 16 aprile prossimi, una due giorni organizzata dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMceO) che vedrà impegnati nel confronto medici e associazioni europee in un simposio dal titolo “Un Codice europeo di deontologia medica: utopia o realtà?".

“La mobilità è una regola del nostro mercato e in questo senso l’Europa unita anche per i medici rappresenta una grande potenzialità”, ha dichiarato Gian Maria Righetti responsabile del Settore Esteri della FNOMCeO. “Già oggi succede che un medico italiano possa andare ad esercitare la professione in un’altra nazione. L’Inghilterra, per esempio, dove ci sono pochi medici, accoglie regolarmente per i fine settimana dei medici ungheresi che si spostano per lavorare (riuscendo a guadagnare cifre che in patria richiederebbero due mesi di lavoro) per poi rientrare nelle loro cliniche e svolgere un’attività regolare per il resto della settimana”, aggiunge Righetti; “ il punto è che le regole deontologiche e, soprattutto, le leggi spesso non sono paragonabili nei diversi paesi e il medico si ritrova in una situazione confusa”.

 

Tratto da Yahoo! Salute - prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni