Pubblicità

Depressione e aborto

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 641 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nuovi studi condotti sulla depressione in rapporto alla gravidanza sono stati recentemente pubblicati sul British Medical Journal, dai quali si rileva una stretta correlazione tra l’insorgenza di forme depressive che colpiscono le donne dopo una gravidanza indesiderata e la decisione di abortire. La ricerca ha utilizzato dati rilevati in precedenti indagini sull’argomento su un ampio campione di giovani donne alla prima esperienza di gravidanza a partire dal 1979.

Su un totale di circa 4500 donne seguite durante la ricerca un sottogruppo di oltre 400 di esse aveva avuto un aborto o una gravidanza indesiderata; le rilevazioni mostrano che, soprattutto tra le donne sposate di questo campione, la tendenza a presentare disturbi di natura depressiva era molto più alta tra le donne che avevano abortito in confronto alle altre.

Tra le donne non sposate invece si è rilevata una simile tendenza alla depressione sia nel caso dell’avvenuto aborto che nelle gravidanze indesiderate ma portate a termine; è stato ipotizzato che ciò sia dovuto al maggiore carico di stress sopportato dalle donne non sposate circa il fatto di doversi prendere cura da sole dei propri figli senza il sostegno di un partner.

Tra le cause che concorrono alla strutturazione di vissuti depressivi nelle donne con esperienza di aborto o di gravidanza indesiderata gli autori della ricerca considerano oltre al sentimento di colpa anche gli effetti negativi sulla percezione di sé e sull’autostima dovuti ai sentimenti di vergogna, ansia e ostilità, che accompagnano solitamente in questi casi l’esperienza delle donne.

Tratto da:” Depression After Unintended Pregnancy Is Linked to Abortion” -NewsRx.com – Feb.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters

0
condivisioni