Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione e infarto

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 391 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Una recente ricerca condotta in Inghilterra ribadisce che i disturbi depressivi predispongono al rischio di infarto; in particolare, dai dati emerge che la probabilità di essere colpiti da questa patologia cardiaca è di tre volte maggiore nei soggetti di mezza età con disturbi depressivi rispetto ai non depressi. L’associazione tra questi diversi disturbi si è rivelata significativa soprattutto nei casi di infarto con esito mortale, mentre i soggetti che hanno subito nel tempo infarti meno gravi sarebbero associati a disturbi depressivi di minore entità. La ricerca, che ha avuto una durata di ben 14 anni durante i quali il team di ricercatori ha seguito lo sviluppo delle diverse patologie, ha coinvolto un campione di circa 2400 uomini di età compresa tra i 49 ed i 64 anni; sono stati utilizzati tests psicologici e questionari per rilevare il grado di salute psichica dei soggetti ed individuare le forme di sofferenza di tipo depressivo eventualmente associate a patologie cardiache e correlate ad altri possibili fattori di rischio, quali l’abitudine al fumo, la pressione sanguigna, l’alimentazione, etc..

I casi di infarto avvenuti nel campione considerato nell’intero periodo della ricerca sono stati 137, di cui 17 con esito fatale; è stato poi rilevato che il vissuto depressivo ha avuto in molti casi un effetto cumulativo, nel senso che aumentando l’intensità del disturbo depressivo aumenta anche la vulnerabilità rispetto al rischio di infarto.

Il dr. Robert M.Carney, docente presso la Washington University School of Medicine di St.Luis, commentando i risultati della ricerca ha aggiunto che:”..Il legame tra infarto e depressione si basa anche sulle alterazioni di tipo fisiologico che l’umore depresso determina attraverso l’azione del sistema nervoso autonomo, che regola importanti funzioni cardiache, come la velocità del battito e le contrazioni dei vasi sanguigni. Per questo motivo – conclude il dr.Carney – occorre valutare attentamente questi fattori psicologici nel caso di pazienti con patologie cardiache, allo stesso modo in cui il medico valuta come principali fattori di rischio il fumo e l’ipertensione..”.

(tratto da:”Depression Increases Risk of Fatal Stroke” - Ivanhoe Broadcast News – Jan.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito confuso (1521708111477)

luisa, 48     Buongiorno, chiedo parere per mio marito 44 anni. Siamo sposati da 10 anni con bimbo di 9. Mi ha lasciata per una pausa di riflessi...

Che fare? (1520934157214)

Roberta, 26     Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere i...

Amore non corrisposto (152165…

very, 19     Salve, le scrivo perchè non riesco a liberarmi di una persona... ...

Area Professionale

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

La Psicoterapia Psicodinamica…

La prestigiosa rivista “The American Journal of Psychiatry” ha pubblicato nuovi dati meta-analitici che confermano come l'efficacia della psicoterapia psicodina...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters

0
condivisioni