Pubblicità

Depressione: gli scienziati trovano circuiti distinti per genere

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2154 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La depressione colpisce le donne quasi il doppio rispetto agli uomini, ma svelare il progetto del cervello che regola questo comportamento, e tantomeno identificare specifiche differenze molecolari tra i sessi, si è rivelato difficile.

depressione generi

I ricercatori della Michigan State University, tuttavia, hanno trovato e attivato un interruttore nel cervello, rivelando un singolo circuito nei topi che si attiva durante lo stress ed è controllato dal testosterone. I risultati, pubblicati su Biological Psychiatry, si concentrano sull'attività tra i neuroni nell'ippocampo ventrale, che si attivano sotto stress ed emozione, e l'attivazione dei neuroni del nucleus accumbens, attori critici nella ricompensa e nella motivazione.


"Ciò che distingue questi risultati non è solo l'identificazione di questo nuovo circuito", ha affermato A.J. Robison, fisiologo della MSU e autore principale dello studio, "ma anche osservando e confermando come avvengono certi comportamenti diversi nei maschi e nelle femmine".

Stranamente, molti studi su modelli animali specifici del circuito che coinvolgono comportamenti legati alla depressione non includono soggetti di sesso femminile. Questo divario esiste nonostante le differenze sessuali in diverse regioni cerebrali legate alla depressione, tra cui l'ippocampo, ha aggiunto Robison.

Pubblicità


Per aiutare a colmare questo vuoto, Robison e un team di scienziati della MSU si sono concentrati su questo circuito ippocampo-accumbens e hanno visto che l'attività nei cervelli maschili durante lo stress era significativamente inferiore rispetto alle femmine, e questo richiedeva testosterone. Quando hanno rimosso il testosterone, tuttavia, i topi maschi hanno iniziato a esprimere comportamenti simili alla depressione.

Al contrario, il team ha osservato un aumento dell'attività circuitale nei cervelli femminili, ma quando è stato introdotto il testosterone, i neuroni si sono calmati e i topi femmine sono diventati resistenti ai comportamenti simili alla depressione.

"Anche con i nostri migliori antidepressivi, come il Prozac, non sappiamo esattamente come funzionano", ha detto Robison. "Questa è la prima volta che troviamo un circuito che guida questo comportamento sessualmente diverso; altri scienziati possono ora esplorare come ciò potrebbe tradursi nell'identificazione di nuovi obiettivi terapeutici nell'uomo".

Il gruppo di Robison ha utilizzato strumenti chemogenetici per manipolare l'attività circuitale specifica nel cervello del topo in questo studio. Tali strumenti potrebbero informare lo sviluppo della "medicina genetica" per il trattamento delle malattie umane in futuro.



Fonte:

  • Elizabeth S. Williams, Claire E. Manning, Andrew L. Eagle, Ashlyn Swift-Gallant, Natalia Duque-Wilckens, Sadhana Chinnusamy, Adam Moeser, Cynthia Jordan, Gina Leinninger, Alfred Jay Robison. Androgen-Dependent Excitability of Mouse Ventral Hippocampal Afferents to Nucleus Accumbens Underlies Sex-Specific Susceptibility to Stress. Biological Psychiatry, 2019; DOI: 10.1016/j.biopsych.2019.08.006



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione differenze di genere news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni