Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione materna e problemi di sviluppo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 338 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nuovi studi, pubblicati sull'ultimo numero della rivista "Journal Child Development", mostrano che la depressione cronica nelle madri influisce sensibilmente sullo sviluppo precoce dei bambini, in rapporto a forme depressive più lievi (le cosiddette "depressioni a breve termine", solitamente di natura reattiva o situazionale).

Ma anche lo status socioeconomico delle famiglie di origine influisce negativamente sullo sviluppo precoce dei bambini; i due fattori sono stati infatti rilevati in stretta associazione dalla ricerca del dr. Stephen M. Petterson, della S.R.Mental Health Research Center presso l'Università della Virginia (Usa). Bambini provenienti da famiglie povere e con madri che soffrono di forme depressive cronicizzate avrebbero quindi una probabilità molto maggiore rispetto ai coetanei di sviluppare problematiche inerenti lo sviluppo cognitivo e nel tempo di presentare difficoltà in ambito comportamentale e relazionale.
La ricerca ha incluso dati provenienti da una precedente raccolta compiuta su un ampio campione di oltre 7600 coppie madri-bambini rilevati alla nascita (nel 1988) e successivamente all'età di 3anni (nel 1991).
La differenza più evidente riscontrata nello studio riguarda l'alta percentuale di problemi presenti a livello cognitivo tra i bambini provenienti da famiglie più povere e con madri cronicamente depresse, rispetto a quelli provenienti da famiglie più abbienti ma con madri ugualmente depresse; infatti, in questo ultimo sottogruppo i punteggi erano assimilabili a quelli ottenuti per il gruppo di controllo (composto da madri non depresse).

"Possiamo affermare - dice il dr. Petterson - ..che la presenza combinata di questi fattori studiati, cioè la depressione in forme gravi e cronicizzate nelle madri ed un reddito famigliare basso, incidono in maniera significativa sulla probabilità da parte dei bambini di sviluppare problemi a livello cognitivo e comportamentale in età precoce… In particolare, lo sviluppo cognitivo in questi casi è più compromesso anche rispetto allo sviluppo motorio primario del bambino; quest'ultimo sarebbe poi, secondo i dati ottenuti nello studio, più elevato nei bambini delle famiglie povere rispetto a quelli provenienti dalle famiglie con reddito più alto..".

(tratto da :" Maternal Depression Linked to Slowed Early Development" - HealthNewsDigest.com - Nov. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters

0
condivisioni