Pubblicità

Depressione post-partum, anche gli uomini piangono

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 419 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

 

Il fenomeno che in inglese coincide con l'espressione “baby blues”, ovvero la depressione post-partum, non riguarda solo le donne, ma anche i papà. A dirlo sono due diverse ricerche sull'argomento che hanno preso in esame vasti campioni di popolazione.

Il primo, del Medical Research Council di Londra e pubblicato su Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine, ha analizzato i dati di quasi 87.000 famiglie fra il 1993 e il 2007, giungendo alla conclusione che il tasso di depressione era del 7,53 per cento l'anno fra le donne e del 2,69 fra gli uomini.

Il periodo più rischioso è quello relativo al primo anno di vita del bambino. I ricercatori inglesi sottolineano la maggior probabilità di incappare in una depressione post-partum per quei genitori che hanno difficoltà economiche e di inserimento sociale e per le coppie giovani.

L'altra ricerca, pubblicata sulla rivista Journal of the American Medical Association, traccia un bilancio più ottimista: solo un neo-papà su dieci soffrirebbe infatti di depressione prima e dopo il parto.

 

Tratto da: "italiasalute. it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters

0
condivisioni