Pubblicità

Destino: controllato dalle nostre cellule

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 498 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sorpresa! I veri controllori del nostro destino non sono situazioni astratte, magari relative alla propria religione, bensì elementi molto più concreti: le nostre cellule, quelle immunitarie per l’esattezza.

Chi mai può aver fatto un’affermazione simile? Degli immunologi ovviamente. Si tratta di ricercatori provenienti dall’australiano Walter and Eliza Hall Institute (WEHI), che sono arrivati a una simile conclusione studiando le cellule B, particolari cellule deputate alla produzione di anticorpi.

Questi ultimi, noti anche con il nome di immunoglobuline, sorta di proteine che identificano e neutralizzano ospiti indesiderati come virus e batteri.

Ogni cellula B ha destini diversi. Alcune tendenzialmente si dividono, altre muoiono; altre si “trasformano” in anticorpi oppure cambiano la capacità di alcuni tipi di anticorpi già esistenti.
Tale destino viene determinato da stimoli esterni come la presenza di ormoni particolari o molecole di segnalazione cellulare. Questa, per lo meno, è la spiegazione ufficiale. Ma secondo Phil Hodgkin, Mark Dowling, Cameron Wellard e Zhou Jie, del reparto di immunologia, ciò che veramente modifica...

 

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 
 


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni