Pubblicità

Differenze cerebrali di genere

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 367 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una ricerca rivela il ruolo chiave degli ormoni sessuali per la comprensione dei comportamenti di genere.

differenze genere ormoni news

I ricercatori della University of Maryland School of Medicine hanno scoperto il meccanismo per cui gli androgeni (gli ormoni sessuali maschili) influenzino lo sviluppo cerebrale creando differenze di genere.

La ricerca è stata condotta da Margaret M. McCarthy, PhD al Dipartimento di Farmacologia e pubblicata su "Neuron" e può aiutare i ricercatori a capire le differenze cerebrali e comportamentali di genere. La ricerca si focalizza sul ruolo degli androgeni nel cervello di topi maschi nel produrre differenze comportamentali di genere, come l'aggressività.

"Noi sappiamo già che esistono differenze cerebrali di genere e che il testosterone prodotto durante il secondo trimestre negli umani e una tarda gestazione nei roditori contribuisca alle differenze di genere. Non sappiamo però come il testosterone abbia questi effetti" ha spiegato la McCarthy.

Jonathan Van Ryzin, PhD è il capo autore di questa ricerca condotta nel laboratorio della McCarthy. Un ruolo chiave delle differenze comportamentali di genere lo hanno le differenze basate sul genere nel numero di cellule nell'amigdala, che controlla le emozioni ed i comportamenti sociali.

La ricerca ha mostrato che i maschi hanno minor cellule perchè vengono eliminate dalle cellule immunitarie. Nelle donne, le cellule si differenziano in un tipo di cellula gliale, il tipo di cellula più presente nel sistema nervoso centrale. Nei maschi, comunque, il testosterone aumenta la comunicazione con i recettori nel cervello che legano con gli endocannabinoidi, causando l'attivazione delle cellule immunitarie.

Pubblicità

Gli endocannabinoidi spingono le cellule immunitarie a eliminare le cellule nei maschi. Nei roditori femmine dello studio non era presente questo effetto, suggerendo che l'attivazione delle cellule immunitarie date dall'aumento di endocannabinoidi fosse il fattore chiave per l'eliminazione delle cellule.

Questa ricerca mostra perciò che l'uso di cannabis, stimolante gli endocannabinoidi nel cervello ed il sistema nervoso, potrebbe avere un impatto nello sviluppo cerebrale del feto e questa influenza potrebbe differire nei feti di genere diverso. Lo studio fornisce un meccanismo per le differenze di genere nei comportamenti sociali e suggerisce che le differenze siano dovute agli androgeni ed alla comunicazione con gli endocannabinoidi.

"Queste scoperte nello sviluppo cerebrale sono importanti nella prevenzione di disturbi cerebrali, anche in età fetale" ha spiegato il Vice Presidente di "Medical Affairs" della University of Maryland e Professore della John Z. and Akiko K. Bowers School.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: testosterone ormoni sessuali differenze di genere cannabis news di psicologia androgeni genere endocannabinoidi

0
condivisioni

Guarda anche...

La psicologia del lavoro

Il ruolo del Leader

Il seguente studio evidenzia una revisione sistematica delle competenze desiderate nella figura del leader e le impostazioni standard per la leadership dei medici. La leadership, una competenza...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sesso incasinato (157906091048…

Confusa, 43 anni   Salve,non sono mai stata una di quelle ragazze che si godevano il sesso spensierato, ho avuto davvero pochi uomini.Ma negli ultimi a...

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni