Pubblicità

Differenze cerebrali di genere

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 407 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una ricerca rivela il ruolo chiave degli ormoni sessuali per la comprensione dei comportamenti di genere.

differenze genere ormoni news

I ricercatori della University of Maryland School of Medicine hanno scoperto il meccanismo per cui gli androgeni (gli ormoni sessuali maschili) influenzino lo sviluppo cerebrale creando differenze di genere.

La ricerca è stata condotta da Margaret M. McCarthy, PhD al Dipartimento di Farmacologia e pubblicata su "Neuron" e può aiutare i ricercatori a capire le differenze cerebrali e comportamentali di genere. La ricerca si focalizza sul ruolo degli androgeni nel cervello di topi maschi nel produrre differenze comportamentali di genere, come l'aggressività.

"Noi sappiamo già che esistono differenze cerebrali di genere e che il testosterone prodotto durante il secondo trimestre negli umani e una tarda gestazione nei roditori contribuisca alle differenze di genere. Non sappiamo però come il testosterone abbia questi effetti" ha spiegato la McCarthy.

Jonathan Van Ryzin, PhD è il capo autore di questa ricerca condotta nel laboratorio della McCarthy. Un ruolo chiave delle differenze comportamentali di genere lo hanno le differenze basate sul genere nel numero di cellule nell'amigdala, che controlla le emozioni ed i comportamenti sociali.

La ricerca ha mostrato che i maschi hanno minor cellule perchè vengono eliminate dalle cellule immunitarie. Nelle donne, le cellule si differenziano in un tipo di cellula gliale, il tipo di cellula più presente nel sistema nervoso centrale. Nei maschi, comunque, il testosterone aumenta la comunicazione con i recettori nel cervello che legano con gli endocannabinoidi, causando l'attivazione delle cellule immunitarie.

Pubblicità

Gli endocannabinoidi spingono le cellule immunitarie a eliminare le cellule nei maschi. Nei roditori femmine dello studio non era presente questo effetto, suggerendo che l'attivazione delle cellule immunitarie date dall'aumento di endocannabinoidi fosse il fattore chiave per l'eliminazione delle cellule.

Questa ricerca mostra perciò che l'uso di cannabis, stimolante gli endocannabinoidi nel cervello ed il sistema nervoso, potrebbe avere un impatto nello sviluppo cerebrale del feto e questa influenza potrebbe differire nei feti di genere diverso. Lo studio fornisce un meccanismo per le differenze di genere nei comportamenti sociali e suggerisce che le differenze siano dovute agli androgeni ed alla comunicazione con gli endocannabinoidi.

"Queste scoperte nello sviluppo cerebrale sono importanti nella prevenzione di disturbi cerebrali, anche in età fetale" ha spiegato il Vice Presidente di "Medical Affairs" della University of Maryland e Professore della John Z. and Akiko K. Bowers School.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: testosterone ormoni sessuali differenze di genere cannabis news di psicologia androgeni genere endocannabinoidi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni