Pubblicità

Difficoltà economiche e invecchiamento precoce

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 472 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I risultati hanno mostrato una significativa associazione tra una maggiore esposizione a povertà economica e peggioramento delle prestazioni cognitive

invecchiamentoSecondo un nuovo studio pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine, il disagio economico esperito sin dalla giovane età, è fortemente legato ad un impoverimento delle prestazioni cognitive nella giovane età, tanto da poter determinare un invecchiamento precoce.

Vivendo in una società in cui il reddito è dinamico e gli individui possono così andare incontro a variazioni del reddito, così come alla mobilità, in particolare per i giovani adulti o di mezza età, il monitoraggio di tali variazioni e difficoltà finanziarie nel lungo periodo e l’analisi di come queste influenzino la salute cognitiva è di grande interesse per la salute pubblica.

I ricercatori hanno quindi analizzato gli effetti della povertà e delle difficoltà finanziarie sulla funzione cognitiva, per un lungo periodo, utilizzando i dati del reddito di circa 3.400 adulti che hanno partecipato ad uno studio prospettico di coorte denominato Coronary Artery Risk Development in Young Adults (CARDIA).

Il campione era costituito da uomini e donne, bianchi e neri, con età compresa tra i 18 e i 30 anni all’inizio dello studio nel 1985-1986. Il campione è stato suddiviso in quattro gruppi sulla base del reddito percepito in relazione al reddito cut-off stabilito a livello federale.

Le informazioni sul reddito sono state raccolte per sei volte in un arco temporale che va dal 1985 al 2010; nel 2010, ad un’età media di 50 anni, i partecipanti avevano compilato una serie di test considerati affidabili per la valutazione dell’invecchiamento cognitivo.

I risultati hanno mostrato una significativa associazione tra una maggiore esposizione a povertà economica e peggioramento delle prestazioni cognitive; questo suggerisce che la povertà e il disagio percepito possono essere fattori contribuenti all’invecchiamento cognitivo.

Simili risultati sono stati riscontrati in individui con difficoltà finanziarie. I ricercatori concludono che il mantenimento delle abilità cognitive è una componente chiave della salute, pertanto risulta necessario monitorare le tendenze, in termini di reddito e altri parametri economici-sociali, soprattutto considerando l’influenza di questi sui risultati di salute.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: giovane età difficoltà economica prestazioni cognitive povertà economica studio di coorte invecchiamento precoce

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni