Pubblicità

Dimmi come stringi la mano e ti dirò chi sei

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2186 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Si dice che dalla stretta di mano si può capire molto di una persona. Anche se è chiaro che ognuno è diverso, e per tale motivo anche l’atto di stringere una mano può essere diverso, secondo gli scienziati vi sono dei punti in comune che possono far comprendere con chi si ha a che fare.
A detta di AskMen, che ha promosso l’indagine, i due principali indizi sulla personalità di una persona sono la stretta decisa e quella debole. Per cui nel caso..

..della prima può essere indice di una personalità forte; nel caso della seconda indice di fragilità. Ma, attenzione, perché gli eccessi sono visti in negativo allo stesso modo. Difatti, un datore di lavoro che debba giudicare un aspirante al posto, durante un colloquio, tende a giudicare in negativo sia la stretta di mano troppo debole sia quella troppo forte o prolungata. Di quest’ultima, infatti, può ritenere sia segno di arroganza, troppa considerazione di sé, ma anche, al contrario, un tentavo di sovracompensazione per una personalità debole.

 

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella letturadell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni