Pubblicità

Disagio psichico. Progetto pilota per i malati

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 356 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Chi soffre di disagi psichici rischia l’isolamento sociale: è importante creare legami interpersonali, esterni all’area della cura, che ricordino il più possibile quelli autentici, spontanei della vita. Per questo, l'iniziativa pilota del Centro psicosociale di Milano (zona 8) non punta su personale qualificato o associazioni di volontariato, bensì sui vicini di casa del paziente. FACILITATORI I "facilitatori" (così sono chiamati) seguono un corso di formazione, ma rimangono essenzialmente persone disponibili a normali rapporti "di buon vicinato". Il rapporto paziente, "facilitatore", centro psicosociale, sfocia in un contratto che può essere scisso in qualsiasi momento da una delle parti.

Al progetto concorrono psichiatri, assistenti sociali, infermieri, Comune di Milano, Ospedale di Niguarda, Dipartimento salute mentale. Il "facilitatore" riceve un compenso (secondo l'impegno e il programma concordato), non superiore a 150 euro al mese e sottoposto a verifica poco più che mensile. Il programma, su misura per ciascun paziente, può riguardare il sostegno della persona, l'utilizzo delle risorse della zona, la promozione di buoni rapporti e dell’uso più attento dei mezzi disponibili sul piano medico. L'obiettivo: la crescita, nel paziente, della consapevolezza e dell'esercizio dei diritti sociali.

Spiega Edoardo Re, responsabile polo psichiatrico zone 7 e 8: «In psichiatria la cura sociale è vera terapia. In Europa ci sono parecchie esperienze di "affido", che è parziale: qualche ora la settimana. I progetti del Centro in zona 8 sono ora 53: pazienti soli, con patologie piuttosto gravi».

Gabriela Lotto - tratto da https://www.corriere.it/edicola/salute.jsp

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters

0
condivisioni