Pubblicità

Disagio psichico. Progetto pilota per i malati

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 313 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Chi soffre di disagi psichici rischia l’isolamento sociale: è importante creare legami interpersonali, esterni all’area della cura, che ricordino il più possibile quelli autentici, spontanei della vita. Per questo, l'iniziativa pilota del Centro psicosociale di Milano (zona 8) non punta su personale qualificato o associazioni di volontariato, bensì sui vicini di casa del paziente. FACILITATORI I "facilitatori" (così sono chiamati) seguono un corso di formazione, ma rimangono essenzialmente persone disponibili a normali rapporti "di buon vicinato". Il rapporto paziente, "facilitatore", centro psicosociale, sfocia in un contratto che può essere scisso in qualsiasi momento da una delle parti.

Al progetto concorrono psichiatri, assistenti sociali, infermieri, Comune di Milano, Ospedale di Niguarda, Dipartimento salute mentale. Il "facilitatore" riceve un compenso (secondo l'impegno e il programma concordato), non superiore a 150 euro al mese e sottoposto a verifica poco più che mensile. Il programma, su misura per ciascun paziente, può riguardare il sostegno della persona, l'utilizzo delle risorse della zona, la promozione di buoni rapporti e dell’uso più attento dei mezzi disponibili sul piano medico. L'obiettivo: la crescita, nel paziente, della consapevolezza e dell'esercizio dei diritti sociali.

Spiega Edoardo Re, responsabile polo psichiatrico zone 7 e 8: «In psichiatria la cura sociale è vera terapia. In Europa ci sono parecchie esperienze di "affido", che è parziale: qualche ora la settimana. I progetti del Centro in zona 8 sono ora 53: pazienti soli, con patologie piuttosto gravi».

Gabriela Lotto - tratto da https://www.corriere.it/edicola/salute.jsp

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni