Pubblicità

Dislessia e rischio suicidario

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2759 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dislessia e rischio suicidarioLa dislessia non è solo un problema di lettura; nuovi studi suggeriscono infatti che essa possa avere un impatto molto forte sui ragazzi giungendo in alcuni casi anche a situazioni in cui emergono pensieri e vissuti suicidari.

I risultati di una ricerca presentata recentemente al convegno annuale dell’American Association of Suicidology tenutosi a Bethesda (Md, Usa) hanno mostrato che gli adolescenti con problemi di dislessia sono più vulnerabili dei coetanei non dislessici circa la dimensione suicidaria, sia solo pensata che effettivamente agita attraverso effettivi tentativi di suicidio. Secondo dati del National Institute of Mental Health, nel 1999 negli Usa il suicidio è stata la terza causa di morte nella fascia di età compresa tra i 15 ed i 24 anni. Lo studio è stato condotto su un campione di circa un centinaio di ragazzi di età media di 15 anni con problemi di dislessia e prolungato per oltre un anno; i dati ottenuti mostrano che circa il 19% degli studenti con problemi attuali e precedenti di natura dislessica ha presentato forti difficoltà di adattamento e vissuti caratterizzati da depressione, abbandono scolastico e pensieri suicidari, rispetto ad un 5% di ragazzi non dislessici che avevano simili problematiche.

Pubblicità

“Non è solo un problema di lettura – dicono Theodore Petti e Arthur Richter, docenti di psichiatria presso la Indiana University School of Medicine di Indianapolis (Usa) – e questi ragazzi sono effettivamente a rischio suicidarlo..Il motivo è anche dovuto alle elevate richieste che provengono solitamente dalle scuole ed alla importanza crescente che lo studio acquista nella vita di un adolescente. Le prestazioni scolastiche scarse o deficitarie possono quindi avere, se non adeguatamente identificate e preventivamente sostenute, effetti molto negativi alla lunga distanza sull’umore dei giovani con queste difficoltà ed ingenerare sentimenti di disistima, sfiducia o aggressività repressa”.

“Alcuni adolescenti con problemi di questo tipo – continua il dr. Petti - hanno difficoltà ad esprimere i propri sentimenti e questo contribuisce ad innescare un circolo chiuso che si rinforza negativamente fallimento dopo fallimento..In questi casi si rende necessario un lavoro di prevenzione che riesca ad identificare al più presto i problemi del ragazzo circa la lettura, in modo da fornire un adeguato sostegno didattico e psicologico che favorisca il loro adattamento e non influenzi negativamente la loro crescita..”.

 

tratto da:” Reading Problems Linked To Suicidal Thoughts” - ABCNews.com – Apr.2002

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Infanzia e adolescenza

I bambini e le regole

Favorire l’interiorizzazione delle regole e delle competenze sociali nel bambino, sapendo collocare questo processo nella sua giusta sede, al crocevia tra cognizione ed affettività. Accade spesso,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni