Pubblicità

Dislessia e rischio suicidario

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2241 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dislessia e rischio suicidarioLa dislessia non è solo un problema di lettura; nuovi studi suggeriscono infatti che essa possa avere un impatto molto forte sui ragazzi giungendo in alcuni casi anche a situazioni in cui emergono pensieri e vissuti suicidari.

I risultati di una ricerca presentata recentemente al convegno annuale dell’American Association of Suicidology tenutosi a Bethesda (Md, Usa) hanno mostrato che gli adolescenti con problemi di dislessia sono più vulnerabili dei coetanei non dislessici circa la dimensione suicidaria, sia solo pensata che effettivamente agita attraverso effettivi tentativi di suicidio. Secondo dati del National Institute of Mental Health, nel 1999 negli Usa il suicidio è stata la terza causa di morte nella fascia di età compresa tra i 15 ed i 24 anni. Lo studio è stato condotto su un campione di circa un centinaio di ragazzi di età media di 15 anni con problemi di dislessia e prolungato per oltre un anno; i dati ottenuti mostrano che circa il 19% degli studenti con problemi attuali e precedenti di natura dislessica ha presentato forti difficoltà di adattamento e vissuti caratterizzati da depressione, abbandono scolastico e pensieri suicidari, rispetto ad un 5% di ragazzi non dislessici che avevano simili problematiche.

Pubblicità

“Non è solo un problema di lettura – dicono Theodore Petti e Arthur Richter, docenti di psichiatria presso la Indiana University School of Medicine di Indianapolis (Usa) – e questi ragazzi sono effettivamente a rischio suicidarlo..Il motivo è anche dovuto alle elevate richieste che provengono solitamente dalle scuole ed alla importanza crescente che lo studio acquista nella vita di un adolescente. Le prestazioni scolastiche scarse o deficitarie possono quindi avere, se non adeguatamente identificate e preventivamente sostenute, effetti molto negativi alla lunga distanza sull’umore dei giovani con queste difficoltà ed ingenerare sentimenti di disistima, sfiducia o aggressività repressa”.

“Alcuni adolescenti con problemi di questo tipo – continua il dr. Petti - hanno difficoltà ad esprimere i propri sentimenti e questo contribuisce ad innescare un circolo chiuso che si rinforza negativamente fallimento dopo fallimento..In questi casi si rende necessario un lavoro di prevenzione che riesca ad identificare al più presto i problemi del ragazzo circa la lettura, in modo da fornire un adeguato sostegno didattico e psicologico che favorisca il loro adattamento e non influenzi negativamente la loro crescita..”.

 

tratto da:” Reading Problems Linked To Suicidal Thoughts” - ABCNews.com – Apr.2002

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

News Letters

0
condivisioni