Pubblicità

Distinguere depressione e disturbo bipolare grazie ai neuroni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 828 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca ha scoperto che i neuroni nel profondo del cervello potrebbero essere la chiave per diagnosticare con precisione il disturbo bipolare e la depressione.

depressione bipolare

Il team di ricerca ha utilizzato sofisticate scansioni MRI per vedere come l'amigdala - un insieme di neuroni che svolgono un ruolo chiave nell'elaborazione delle emozioni - reagisce quando un paziente elabora espressioni facciali come rabbia, paura, tristezza, disgusto e felicità.

La ricerca ha mostrato che questa struttura chiave all'interno del cervello risponde in modo diverso a seconda che la persona abbia o disturbo bipolare o depressione.

Pubblicità

Nelle persone con disturbo bipolare, il lato sinistro dell'amigdala è meno attivo e meno connesso ad altre parti del cervello rispetto alle persone con depressione.

I risultati di questo studio hanno avuto un'accuratezza dell'80% nel fare questa distinzione. Il ricercatore capo Dr Mayuresh Korgaonkar del Westmead Institute for Medical Research e l'Università di Sydney ha affermato che queste differenze potrebbero potenzialmente essere utilizzate in futuro per differenziare il disturbo bipolare dai disturbi depressivi.

"La malattia mentale, in particolare il disturbo bipolare e la depressione, può essere difficile da diagnosticare in quanto molte condizioni hanno sintomi simili", ha detto il dott. Korgaonkar.

"Queste due malattie sono praticamente identiche tranne che nei soggetti bipolari i quali sperimentano anche la mania. Ciò significa che distinguerli può essere difficile e rappresenta una sfida clinica importante in quanto il trattamento varia notevolmente a seconda della diagnosi primaria. La diagnosi sbagliata può essere pericolosa, portando a scarsi risultati sociali ed economici per il paziente che si sottopone a un trattamento per un disturbo completamente diverso.

"Identificare i marcatori cerebrali in grado di distinguerli in modo affidabile avrebbe un immenso beneficio clinico. Un marcatore di questo tipo potrebbe aiutarci a capire meglio entrambi questi disturbi, identificare i fattori di rischio per lo sviluppo di questi disturbi e potenzialmente consentire una diagnosi chiara sin dall'inizio", ha detto il dott. Korgaonkar.

Circa il 60% dei pazienti con disturbo bipolare viene inizialmente diagnosticato erroneamente come disturbo depressivo maggiore. E' preoccupante il fatto che una diagnosi accurata di disturbo bipolare possa richiedere fino a un decennio per essere definita. Il disturbo bipolare spesso si presenta per la prima volta nella fase depressiva della malattia e la depressione bipolare è simile alla depressione maggiore in termini di sintomi clinici.

L'elaborazione dell'emozione è un problema centrale alla base di entrambi questi disturbi. Il dott. Korgaonkar e il suo team stanno ora conducendo la fase 2 di questo studio, che mira a caratterizzare ulteriormente questi marcatori identificati in una più ampia coorte di pazienti.

 

Tratto da Science Daily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: depressione neuroni disturbo bipolare news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

News Letters

0
condivisioni