Pubblicità

Disturbi mentali e rischio cardiovascolare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1554 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I risultati di uno studio internazionale hanno mostrato come gli individui affetti da gravi disturbi mentali presentino una maggiore probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto alla popolazione generale.

rischio cardiovascolareL’indagine, svoltasi presso il King's College di Londra, ha preso in esame circa 3,2 milioni di partecipanti affetti da un disturbo mentale, configurandosi come la più grande meta – analisi mai condotta prima sui disturbi mentali e le patologie cardiovascolari.

I ricercatori hanno esaminato 92 studi condotti in quattro continenti e 16 diversi paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Australia e Svezia. Hanno osservato che il 10% delle persone con disturbi mentali ha avuto malattie cardiovascolari, con tassi leggermente più alti nella schizofrenia (11,8 per cento) e nella depressione (11,7 per cento) rispetto al disturbo bipolare (8,4 per cento).

I dati forniti dallo studio hanno permesso di evidenziare una correlazione tra un grave disturbo mentale (schizofrenia, disturbo bipolare e depressione maggiore) e le malattie cardiovascolari: le persone con un grave disturbo mentale presentano un elevato rischio di sviluppare patologie cardiovascolari.

Nello specifico, a questi individui è associato un rischio maggiore del 53% di mostrare disturbi cardiovascolari, oltre che un rischio del 78% più alto di sviluppare una patologia cardiaca a lungo termine.

Inoltre, è stato stimato per questi individui il tasso di mortalità a causa della patologia, che si è rivelato più alto dell’85% rispetto alle persone della stessa età nella popolazione generale.

Pubblicità

Come suggeriscono gli autori dello studio, i risultati di questa ricerca evidenziano l'importanza di monitorare regolarmente i pazienti con gravi disturbi mentali per il rischio cardiovascolare e indicare anche una serie di fattori di rischio potenzialmente modificabili.

Secondo gli stessi ricercatori, attualmente vi sono numerose evidenze che permettono di affermare che le persone affette da disturbi mentali muoiono 10 – 15 anni prima rispetto alla popolazione generale. Questo, nella maggior parte dei casi, è dovuto alle patologie cardiovascolari, inclusi gli attacchi cardiaci e gli ictus.

Alla luce di tali risultati, emerge la necessità di individuare alcuni importanti fattori responsabili dell’aumento del rischio di malattie cardiovascolari, come l’uso di antipsicotici e un più alto indice di massa corporea. Dunque, è fondamentale che i medici, laddove possibile, scelgano antipsicotici con minori effetti collaterali quali l’aumento di peso, l’ipertensione e le alterazioni del glucosio. I medici dovrebbero inoltre esaminare le malattie cardiovascolari emergenti e esistenti, nonché gestire in modo proattivo i fattori di rischio come il peso e l'indice di massa corporea.

Come ha spiegato il Dottor Brendon Stubbs dell'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (IoPPN) al King's College di Londra “Questi risultati rappresentano la conferma del fatto che le persone affette da disturbo mentale vengono trascurate, proprio nel momento in cui vi è un grande interesse da parte della sanità pubblica nei confronti della salute mentale della popolazione con iniziative volte a ridurre il peso delle malattie cardiovascolari. Le persone con disturbi mentali muoiono molto prima rispetto a quelli che non ne hanno, ma la maggior parte di queste morti premature può essere prevenuta promuovendo cambiamenti nello stile di vita, come l’esercizio fisico, una sana alimentazione e smettere di fumare, oltre che una maggiore prudenza nella prescrizione di farmaci antipsicotici”.

 

Tratto da: PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: disturbi psichiatrici prevenzione cardiovascular disease

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo linguistico è riscontrabile nelle forme di...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters

0
condivisioni