Pubblicità

Disturbi neurodegenerativi: nuova speranza per il trattamento

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 199 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Il morbo di Alzheimer (AD) è il più rappresentativo disturbo degenerativo del cervello, dal 60 all'80% di tutti i casi di demenza.

disturbi

In cerca di nuove procedure per l'AD, il team di ricerca guidato dal Professor Seong-Woon Yu del Brain and Cognitive Sciences ha prestato attenzione all'autofagia delle microglia, cellule immunitarie del cervello, che è soppressa dall'infiammazione.

Le "Microglia" sono cellule immunitarie fagocitarie che si trovano nel sistema nervoso centrale e condividono molte caratterisitche con i macrofagi. Agiscono come addetti alle pulizie che eliminano sostanze nocive accumulate nel tessuto cerebrale.

L'autofagia gioca un importante ruolo nel rimuovere agenti patogeni come i micobatteri o materiale tossico nelle cellule, scoperta grazie al quale il Professor Ohsumi Yoshinori ha ricevuto il Novel Prize in Physiology nel 2016.

Il team del Professor Yu ha identificato che i viaggi del segnale di trasmissione PI3K/Akt si attivavano nelle cellule se i materiali infiammatori si combinavano con il TLR4 (recettore -Toll- like) che si trova sulla superficie delle microglia, inibendo l'autofagia.

 

Pubblicità

 

Il team ha verificato per prima cosa che la soppressione dell'autofagia porta ad un declino dell'abilità di decomposizione della β amiloide che provoca l'Alzheimer e peggiora il disturbo nel corso del tempo.

Sebbene i ricercatori hanno continuamente condotto studi per dimostrare che l'infiammazione e l'autofagia cellulare sono collegate con i disturbi degenerativi del cervello, si è verificata una mancata comprensione del suo processo. Inoltre, è stato riconosciuto che l'autofagia diventa maggiormente attiva in altre cellule immunologiche nel nostro corpo in contrasto con le microglia. Così, questa ricerca sull'autofagia delle cellule cerebrali è servita per suggerire uno spunto importante per il trattamento di disturbi cerebrali, sottolineando come i problemi di autofagia potrebbero impattare sulle funzioni cerebrali.

Come affermato dal Professore "Tuttavia l'infiammazione del nervo aumenta sempre se si contrae una malattia degenerativa del cervello, non è stato ancora riconosciuto se un effetto autofagico è soppresso nelle microglia, il quale è legato all'aumento dell'infiammazione. Se noi ci focalizziamo sul tessuto cellulare cerebrale e continuamo ad osservare la relazione tra l'infiammazione del nervo e l'autofagia, saremo abili nel fare un passo in avanti verso lo sviluppo di trattamenti e nuove strategie per curare le malattie cerebrali".

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: morbo di Alzheimer news di psicologia disturbi neurodegenerativi autofagia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni