Pubblicità

Disturbi neurodegenerativi: nuova speranza per il trattamento

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 396 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Il morbo di Alzheimer (AD) è il più rappresentativo disturbo degenerativo del cervello, dal 60 all'80% di tutti i casi di demenza.

disturbi

In cerca di nuove procedure per l'AD, il team di ricerca guidato dal Professor Seong-Woon Yu del Brain and Cognitive Sciences ha prestato attenzione all'autofagia delle microglia, cellule immunitarie del cervello, che è soppressa dall'infiammazione.

Le "Microglia" sono cellule immunitarie fagocitarie che si trovano nel sistema nervoso centrale e condividono molte caratterisitche con i macrofagi. Agiscono come addetti alle pulizie che eliminano sostanze nocive accumulate nel tessuto cerebrale.

L'autofagia gioca un importante ruolo nel rimuovere agenti patogeni come i micobatteri o materiale tossico nelle cellule, scoperta grazie al quale il Professor Ohsumi Yoshinori ha ricevuto il Novel Prize in Physiology nel 2016.

Il team del Professor Yu ha identificato che i viaggi del segnale di trasmissione PI3K/Akt si attivavano nelle cellule se i materiali infiammatori si combinavano con il TLR4 (recettore -Toll- like) che si trova sulla superficie delle microglia, inibendo l'autofagia.

 

Pubblicità

 

Il team ha verificato per prima cosa che la soppressione dell'autofagia porta ad un declino dell'abilità di decomposizione della β amiloide che provoca l'Alzheimer e peggiora il disturbo nel corso del tempo.

Sebbene i ricercatori hanno continuamente condotto studi per dimostrare che l'infiammazione e l'autofagia cellulare sono collegate con i disturbi degenerativi del cervello, si è verificata una mancata comprensione del suo processo. Inoltre, è stato riconosciuto che l'autofagia diventa maggiormente attiva in altre cellule immunologiche nel nostro corpo in contrasto con le microglia. Così, questa ricerca sull'autofagia delle cellule cerebrali è servita per suggerire uno spunto importante per il trattamento di disturbi cerebrali, sottolineando come i problemi di autofagia potrebbero impattare sulle funzioni cerebrali.

Come affermato dal Professore "Tuttavia l'infiammazione del nervo aumenta sempre se si contrae una malattia degenerativa del cervello, non è stato ancora riconosciuto se un effetto autofagico è soppresso nelle microglia, il quale è legato all'aumento dell'infiammazione. Se noi ci focalizziamo sul tessuto cellulare cerebrale e continuamo ad osservare la relazione tra l'infiammazione del nervo e l'autofagia, saremo abili nel fare un passo in avanti verso lo sviluppo di trattamenti e nuove strategie per curare le malattie cerebrali".

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: morbo di Alzheimer news di psicologia disturbi neurodegenerativi autofagia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Disforia

Il termine viene utilizzato in psichiatria per indicare un'alterazione dell'umore in senso depressivo, caratterizzato da sentimenti spiacevoli, quali tristezza...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni