Pubblicità

Disturbi sessuali femminili? Un'invenzione creata dalle case farmaceutiche

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 580 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I disturbi sessuali femminili? Un'invenzione creata ad arte da case farmaceutiche con la complicità di specialisti consenzienti, affamati di denaro e notorietà
Questa, in sintesi, la tesi di un articolo fortemente provocatorio pubblicato dal prestigioso British Medical Journal.

L'organo dell'associazione dei medici britannici riporta un'inchiesta di Ray Moynihan, giornalista australiano che corrobora le proprie affermazioni con studi e pareri di esperti statunitensi di diverse università. Le industrie farmaceutiche, secondo Moynihan, avrebbero sponsorizzato la «creazione» di un nuovo disordine medico, la cosiddetta disfunzione sessuale femminile, con il preciso scopo di aprire anche alle donne un mercato molto redditizio finora riservato ai soli uomini: quello dei medicinali contro le 'defaillance' sotto le lenzuola.

Pietra angolare dell'edificio marketing-mediatico sarebbe stata una ricerca pubblicata circa quatto anni fa nientemeno che da Jama, la rivista americana omologa del British Medical Journal, e quindi dotata di notevole credibilità scientifica, che indicava come il 43% delle donne tra i 18 e i 59 anni presentasse disfunzioni sessuali.
In quello studio, sottolinea ora Moynihan, «a 1.500 donne era stato chiesto se avessero provato per almeno 2 mesi alcuni problemi sessuali, come carenza di desiderio, ansia daprestazione o problemi di lubrificazione vaginale. E bastava rispondere sì a un'unica domanda su 7 per essere inserite nel gruppo di pazienti che soffrivano di disfunzione sessuale».

L'ipotesi avanzata da alcuni specialisti interpellati dal giornalista australiano, quindi, è che questo genere di ricerche «incoraggi i medici a prescrivere farmaci destinati ai disturbi sessuali», e che, fatto ancor più grave, «faccia pensare alle donne di avere problemi sessuali anche quando questi non esistono».

(Tratto integralmente da Il Corriere Salute - Luigi Ripamonti)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni