Pubblicità

Disturbo bipolare: ridotto volume dell’ippocampo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3586 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio ha scoperto che una riduzione del volume di alcune regioni dell’ippocampo (regione cerebrale preposta all’elaborazione della memoria e implicata nell’umore), è collegata al Disturbo Bipolare.

disturbo bipolare e ippocampo

I risultati sono stati pubblicati nella rivista Molecular Psychiatry.

I ricercatori partendo dall’ipotesi che diverse aree dell’ippocampo possano avere funzioni differenti e possano, altresì, essere compromesse differentemente in base ai diversi tipi di disturbi dell’umore (quali il Disturbo Bipolare e il Disturbo Depressivo Maggiore), hanno cercato di individuare gli eventuali danni presenti in queste aree dell’ippocampo.

Le stime attuali riportano che all’incirca sei milioni di americani soffrono di Disturbo Bipolare.

Il Disturbo Bipolare è caratterizzato da gravi alterazioni dell’umore, che vanno da episodi di eccessiva euforia ed eccitazione (Episodi Maniacali o Ipomaniacali), ad altri di grave depressione (Episodi Depressivi).

Questo disturbo viene distinto in:

  • Disturbo Bipolare di tipo I: caratterizzato dalla presenza di uno o più Episodi Maniacali o Episodi Misti (maniacali e depressivi) per almeno una settimana; spesso le persone che ne soffrono hanno avuto uno o più Episodi Depressivi della durata di almeno due settimane;
  • Disturbo Bipolare di tipo II: caratterizzato dalla presenza di uno o più Episodi Depressivi Maggiori accompagnati da almeno un Episodio Ipomaniacale.

Pubblicità

Esso, inoltre, può essere piuttosto invalidante poiché interferisce con la capacità di una persona di lavorare e svolgere le più comuni attività quotidiane. In casi estremi può condurre anche al tentativo di suicidio. 

Per lo svolgimento dello studio, i ricercatori hanno utilizzato la Risonanza Magnetica (MRI) insieme ad una Tecnica di Segmentazione originale, allo scopo di trovare differenze nel volume delle diverse aree dell’ippocampo.  I partecipanti con Disturbo Bipolare sono stati confrontati con i partecipanti sani e con quelli aventi il Disturbo Depressivo Maggiore.

I risultati hanno mostrato che le persone con Disturbo Bipolare presentano una riduzione del volume di specifiche aree dell’ippocampo: la regione 4 del Corno di Ammone (CA), due strati cellulari e la parte posteriore dell’ippocampo. Questa diminuzione del volume è particolarmente evidente nel Disturbo Bipolare rispetto agli altri disturbi dell’umore.

Inoltre, è stato riscontrato che quando vi è un peggioramento del disturbo nei pazienti bipolari di tipo I, il volume di altre aree dell’ippocampo (fra le quali la porzione destra della regione 1 del Corno di Ammone-CA 1), diminuisce. Una maggiore riduzione del volume di altre aree CA e della Coda Ippocampale è stata trovata anche in quelle persone che hanno sperimentato più volte Episodi Maniacali.

Gli autori di questo studio auspicano che il loro lavoro apra la strada per ulteriori ricerche che indaghino in maniera sempre più dettagliata quelle regioni dell’ippocampo considerate marcatori del Disturbo Bipolare, in modo tale da sviluppare migliori metodi di diagnosi e trattamenti più efficaci.

 

(Traduzione e adattamento a cura della della Dottoressa Claudia Olivieri)

Tratto da PsychCentral

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: disturbi dell'umore disturbo bipolare ippocampo DepressioneMaggiore

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

News Letters

0
condivisioni