Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbo bipolare: ridotto volume dell’ippocampo

on . Postato in News di psicologia

Un nuovo studio ha scoperto che una riduzione del volume di alcune regioni dell’ippocampo (regione cerebrale preposta all’elaborazione della memoria e implicata nell’umore), è collegata al Disturbo Bipolare.

disturbo bipolare e ippocampo

I risultati sono stati pubblicati nella rivista Molecular Psychiatry.

I ricercatori partendo dall’ipotesi che diverse aree dell’ippocampo possano avere funzioni differenti e possano, altresì, essere compromesse differentemente in base ai diversi tipi di disturbi dell’umore (quali il Disturbo Bipolare e il Disturbo Depressivo Maggiore), hanno cercato di individuare gli eventuali danni presenti in queste aree dell’ippocampo.

Le stime attuali riportano che all’incirca sei milioni di americani soffrono di Disturbo Bipolare.

Il Disturbo Bipolare è caratterizzato da gravi alterazioni dell’umore, che vanno da episodi di eccessiva euforia ed eccitazione (Episodi Maniacali o Ipomaniacali), ad altri di grave depressione (Episodi Depressivi).

Questo disturbo viene distinto in:

  • Disturbo Bipolare di tipo I: caratterizzato dalla presenza di uno o più Episodi Maniacali o Episodi Misti (maniacali e depressivi) per almeno una settimana; spesso le persone che ne soffrono hanno avuto uno o più Episodi Depressivi della durata di almeno due settimane;
  • Disturbo Bipolare di tipo II: caratterizzato dalla presenza di uno o più Episodi Depressivi Maggiori accompagnati da almeno un Episodio Ipomaniacale.

Pubblicità

Esso, inoltre, può essere piuttosto invalidante poiché interferisce con la capacità di una persona di lavorare e svolgere le più comuni attività quotidiane. In casi estremi può condurre anche al tentativo di suicidio. 

Per lo svolgimento dello studio, i ricercatori hanno utilizzato la Risonanza Magnetica (MRI) insieme ad una Tecnica di Segmentazione originale, allo scopo di trovare differenze nel volume delle diverse aree dell’ippocampo.  I partecipanti con Disturbo Bipolare sono stati confrontati con i partecipanti sani e con quelli aventi il Disturbo Depressivo Maggiore.

I risultati hanno mostrato che le persone con Disturbo Bipolare presentano una riduzione del volume di specifiche aree dell’ippocampo: la regione 4 del Corno di Ammone (CA), due strati cellulari e la parte posteriore dell’ippocampo. Questa diminuzione del volume è particolarmente evidente nel Disturbo Bipolare rispetto agli altri disturbi dell’umore.

Inoltre, è stato riscontrato che quando vi è un peggioramento del disturbo nei pazienti bipolari di tipo I, il volume di altre aree dell’ippocampo (fra le quali la porzione destra della regione 1 del Corno di Ammone-CA 1), diminuisce. Una maggiore riduzione del volume di altre aree CA e della Coda Ippocampale è stata trovata anche in quelle persone che hanno sperimentato più volte Episodi Maniacali.

Gli autori di questo studio auspicano che il loro lavoro apra la strada per ulteriori ricerche che indaghino in maniera sempre più dettagliata quelle regioni dell’ippocampo considerate marcatori del Disturbo Bipolare, in modo tale da sviluppare migliori metodi di diagnosi e trattamenti più efficaci.

 

(Traduzione e adattamento a cura della della Dottoressa Claudia Olivieri)

Tratto da PsychCentral

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

Tags: disturbi dell'umore disturbo bipolare ippocampo DepressioneMaggiore

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. Freud utilizza il termine per i...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

News Letters