Pubblicità

Disturbo iperattivo e farmaci

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 341 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Sono circa 4 milioni i ragazzi negli Stati Uniti cui è stato diagnosticato il disturbo attentivo da iperattività (ADHD - attention deficit hyperactivity disorder), mentre è stato calcolato in 20 milioni il numero di prescrizioni raggiunto lo scorso anno per i farmaci stimolanti utilizzati per contrastare questo disturbo. L'enorme entità delle cifre fa riflettere e da più parti negli USA si accendono sempre più numerosi i dibattiti sulla opportunità di ricorrere a tanti e tali farmaci già dall'infanzia col rischio di instaurare dipendenze precocissime; il clima diventa sempre più caldo anche a causa della decisione di trasmettere prossimamente nei canali televisivi la pubblicità di queste sostanze (come il Ritalin, che è il farmaco utilizzato solitamente nei casi di ADHD) unitamente alla possibilità di comprarle senza prescrizione medica.
Potrebbe quindi verificarsi che non solo i medici, gli unici in grado di prescrivere farmaci, ma anche genitori ed insegnanti si trasformino in erogatori di medicine per questo disturbo senza possibilità di controllo e di effettiva verifica da parte delle autorità sanitarie.

"Il ricorso ai farmaci rappresenta solo una possibilità curativa.. - dice tra gli altri la dr.ssa Evelyn Green, presidente dell'associazione "Children and Adults with ADHD" - ..Molti ragazzi ricevono un beneficio dal farmaco, ma molti altri hanno analoghi benefici da trattamenti psicologici, come per esempio la terapia comportamentale; non bisogna quindi considerare la pillola come il rimedio universale in questi casi..".

(tratto da: "Generation Rx" - HealthScout - September 5, 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

News Letters

0
condivisioni