Pubblicità

Disturbo psichiatrico parentale e fattori di rischio per il bambino

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 823 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una storia di malattia psichiatrica nei genitori può determinare un alto rischio nei figli di sviluppare comportamenti violenti o suicidi, soprattutto se esposti a scarsa cura parentale, violenza in famiglia, abusi e difficoltà finanziarie.

famglie problematiche.0Un nuovo studio pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry ha evidenziato come il rischio annesso al tentato suicidio e al comportamento violento dei bambini sembri essere associato ai disturbi psichiatrici del genitore.

Sia il suicidio che l’atteggiamento violento possono essere il risultato di un’interazione tra le componenti ambientali, sociali, genetiche ed epigenetiche presenti all’interno della famiglia.

I ricercatori della University of Manchester hanno quindi esaminato una diversa gamma di malattie psichiatriche parentali, tra cui dipendenza da sostanza, disturbi dell’umore, ansia, disturbi di personalità, e valutato l’associazione con il tentato suicidio e comportamento violento da parte dei bambini.

Il campione ha incluso più di 1, 7 milioni di persone nate in Danimarca tra il 1967 e il 1997 e sono stati seguiti dal compimento del loro 15esimo anno di età.

Dall’analisi dei risultati è emerso che circa il 2,6% di tale popolazione ha tentato il suicidio, mentre il 3,2% ha ricevuto una condanna per reati annessi a comportamenti violenti.

In particolare gli autori riportano che: i rischi per il comportamento violento e tentato suicidio da parte dei bambini erano più elevati in corrispondenza dei disturbo psichiatrico parentale; il rischio è comunque maggiore per quei genitori con disturbo antisociale di personalità e uso costante di cannabis; tra i disturbi dell’umore, quello bipolare, era particolarmente associato con comportamento violento da parte dei bambini; infine il comportamento violento si osservava maggiormente nelle femmine rispetto ai maschi, mentre i tentativi di suicidio non differivano rispetto al genere.

Lo studio ha pertanto delineato come una storia di malattia psichiatrica nei genitori possa determinare un alto rischio nei figli di sviluppare comportamenti violenti o suicidi, soprattutto se esposti ad una scarsa cura parentale, violenza in famiglia, abusi e difficoltà finanziarie.

Gli autori suggeriscono pertanto che gli psichiatri e gli altri professionisti della salute mentale che si occupano di pazienti adulti con gravi disturbi mentali, dovrebbero prendere in considerazione anche la valutazione della salute mentale e dei bisogni psicosociali dei bambini dei loro pazienti.

Un intervento precoce potrebbe quindi beneficiare non solo ai genitori, ma anche ai loro figli.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: fattore di rischio comportamento violento disturbi psichiatrici genitori tentato suicidio Jama Psychiatry

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

News Letters

0
condivisioni