Pubblicità

Disturbo psichiatrico parentale e fattori di rischio per il bambino

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 466 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una storia di malattia psichiatrica nei genitori può determinare un alto rischio nei figli di sviluppare comportamenti violenti o suicidi, soprattutto se esposti a scarsa cura parentale, violenza in famiglia, abusi e difficoltà finanziarie.

famglie problematiche.0Un nuovo studio pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry ha evidenziato come il rischio annesso al tentato suicidio e al comportamento violento dei bambini sembri essere associato ai disturbi psichiatrici del genitore.

Sia il suicidio che l’atteggiamento violento possono essere il risultato di un’interazione tra le componenti ambientali, sociali, genetiche ed epigenetiche presenti all’interno della famiglia.

I ricercatori della University of Manchester hanno quindi esaminato una diversa gamma di malattie psichiatriche parentali, tra cui dipendenza da sostanza, disturbi dell’umore, ansia, disturbi di personalità, e valutato l’associazione con il tentato suicidio e comportamento violento da parte dei bambini.

Il campione ha incluso più di 1, 7 milioni di persone nate in Danimarca tra il 1967 e il 1997 e sono stati seguiti dal compimento del loro 15esimo anno di età.

Dall’analisi dei risultati è emerso che circa il 2,6% di tale popolazione ha tentato il suicidio, mentre il 3,2% ha ricevuto una condanna per reati annessi a comportamenti violenti.

In particolare gli autori riportano che: i rischi per il comportamento violento e tentato suicidio da parte dei bambini erano più elevati in corrispondenza dei disturbo psichiatrico parentale; il rischio è comunque maggiore per quei genitori con disturbo antisociale di personalità e uso costante di cannabis; tra i disturbi dell’umore, quello bipolare, era particolarmente associato con comportamento violento da parte dei bambini; infine il comportamento violento si osservava maggiormente nelle femmine rispetto ai maschi, mentre i tentativi di suicidio non differivano rispetto al genere.

Lo studio ha pertanto delineato come una storia di malattia psichiatrica nei genitori possa determinare un alto rischio nei figli di sviluppare comportamenti violenti o suicidi, soprattutto se esposti ad una scarsa cura parentale, violenza in famiglia, abusi e difficoltà finanziarie.

Gli autori suggeriscono pertanto che gli psichiatri e gli altri professionisti della salute mentale che si occupano di pazienti adulti con gravi disturbi mentali, dovrebbero prendere in considerazione anche la valutazione della salute mentale e dei bisogni psicosociali dei bambini dei loro pazienti.

Un intervento precoce potrebbe quindi beneficiare non solo ai genitori, ma anche ai loro figli.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: fattore di rischio comportamento violento disturbi psichiatrici genitori tentato suicidio Jama Psychiatry

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni