Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbo psichiatrico parentale e fattori di rischio per il bambino

on . Postato in News di psicologia | Letto 337 volte

Una storia di malattia psichiatrica nei genitori può determinare un alto rischio nei figli di sviluppare comportamenti violenti o suicidi, soprattutto se esposti a scarsa cura parentale, violenza in famiglia, abusi e difficoltà finanziarie.

famglie problematiche.0Un nuovo studio pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry ha evidenziato come il rischio annesso al tentato suicidio e al comportamento violento dei bambini sembri essere associato ai disturbi psichiatrici del genitore.

Sia il suicidio che l’atteggiamento violento possono essere il risultato di un’interazione tra le componenti ambientali, sociali, genetiche ed epigenetiche presenti all’interno della famiglia.

I ricercatori della University of Manchester hanno quindi esaminato una diversa gamma di malattie psichiatriche parentali, tra cui dipendenza da sostanza, disturbi dell’umore, ansia, disturbi di personalità, e valutato l’associazione con il tentato suicidio e comportamento violento da parte dei bambini.

Il campione ha incluso più di 1, 7 milioni di persone nate in Danimarca tra il 1967 e il 1997 e sono stati seguiti dal compimento del loro 15esimo anno di età.

Dall’analisi dei risultati è emerso che circa il 2,6% di tale popolazione ha tentato il suicidio, mentre il 3,2% ha ricevuto una condanna per reati annessi a comportamenti violenti.

In particolare gli autori riportano che: i rischi per il comportamento violento e tentato suicidio da parte dei bambini erano più elevati in corrispondenza dei disturbo psichiatrico parentale; il rischio è comunque maggiore per quei genitori con disturbo antisociale di personalità e uso costante di cannabis; tra i disturbi dell’umore, quello bipolare, era particolarmente associato con comportamento violento da parte dei bambini; infine il comportamento violento si osservava maggiormente nelle femmine rispetto ai maschi, mentre i tentativi di suicidio non differivano rispetto al genere.

Lo studio ha pertanto delineato come una storia di malattia psichiatrica nei genitori possa determinare un alto rischio nei figli di sviluppare comportamenti violenti o suicidi, soprattutto se esposti ad una scarsa cura parentale, violenza in famiglia, abusi e difficoltà finanziarie.

Gli autori suggeriscono pertanto che gli psichiatri e gli altri professionisti della salute mentale che si occupano di pazienti adulti con gravi disturbi mentali, dovrebbero prendere in considerazione anche la valutazione della salute mentale e dei bisogni psicosociali dei bambini dei loro pazienti.

Un intervento precoce potrebbe quindi beneficiare non solo ai genitori, ma anche ai loro figli.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: fattore di rischio comportamento violento disturbi psichiatrici genitori tentato suicidio Jama Psychiatry

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

News Letters