Pubblicità

Dolore cronico e disturbi d’ansia: il ruolo del PACAP

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1317 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I risultati dello studio suggeriscono una maggiore e aumentata espressione del PACAP, un neurostrasmettitore peptidico che il corpo rilascia in risposta allo stress, ma anche in risposta al dolore neuropatico.

neuropeptidi.doloreUna nuova ricerca effettuata presso la University of Vermont, ha messo in luce una connessione tra il dolore cronico e i disturbi d’ansia.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Biological Psychiatry, suggeriscono una maggiore e aumentata espressione del PACAP, un neurostrasmettitore peptidico che il corpo rilascia in risposta allo stress, ma anche in risposta al dolore neuropatico.

I ricercatori hanno esaminato l’espressione del PACAP lungo un percorso che va dal midollo spinale all’amigdala, il tratto spino-parabrachiale, in quanto rappresentante la base cerebrale del comportamento emotivo.

Attraverso l’utilizzo di modelli per il dolore cronico e l’ansia, nonchè modelli che consentono di tracciare i neurocircuiti del PACAP, i membri del team hanno osservato dove le vie del dolore cronico e dello stress vanno ad intersecarsi.

In studi precedenti, i ricercatori avevano già osservato come questo neurotrasmettitore peptidico fosse altamente espresso nelle donne con sintomatologia da Disturbo post-traumatico da stress.

In virtù di tale osservazione e cioè di un aumento dei comportamenti ansiosi in risposta al dolore cronico il team di ricerca ha somministrato un antagonista recettoriale del PACAP, progettato per bloccare la risposta.

Successivamente hanno osservato come vi sia una significativa riduzione sia del comportamento ansioso che dell’ipersensibilità al dolore.

Sulla base di tale evidenza i ricercatori suggeriscono come vi sia la possibilità di bloccare tanto il dolore cronico quanto i disturbi d’ansia; il passo successivo a cui si auspica è quindi quello di lavorare anche da un punto di vista chimico, al fine di sviluppare piccoli composti di molecola che possano antagonizzare le azioni del PACAP.

Questo potrebbe rappresentare non solo un approccio completamente diverso rispetto all’uso di oppiacei e benzodiazepine, ma un altro strumento per combattere il dolore cronico e i disturbi comportamentali legati allo stress.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: disturbi d'ansia trattamento dolore cronico PACAP neurotrasmettitore peptidico University of Vermont tratto spino-parabrachiale antagonista recettoriale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termine anorgasmia viene spesso confuso e...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

Le parole della Psicologia

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Poligamia

In antropologia è quella particolare forma di matrimonio dove un uomo o una donna possono avere più consorti contemporaneamente. Ci sono due tipi: Poliginia...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni