Pubblicità

Dolore cronico e disturbi d’ansia: il ruolo del PACAP

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1442 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I risultati dello studio suggeriscono una maggiore e aumentata espressione del PACAP, un neurostrasmettitore peptidico che il corpo rilascia in risposta allo stress, ma anche in risposta al dolore neuropatico.

neuropeptidi.doloreUna nuova ricerca effettuata presso la University of Vermont, ha messo in luce una connessione tra il dolore cronico e i disturbi d’ansia.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Biological Psychiatry, suggeriscono una maggiore e aumentata espressione del PACAP, un neurostrasmettitore peptidico che il corpo rilascia in risposta allo stress, ma anche in risposta al dolore neuropatico.

I ricercatori hanno esaminato l’espressione del PACAP lungo un percorso che va dal midollo spinale all’amigdala, il tratto spino-parabrachiale, in quanto rappresentante la base cerebrale del comportamento emotivo.

Attraverso l’utilizzo di modelli per il dolore cronico e l’ansia, nonchè modelli che consentono di tracciare i neurocircuiti del PACAP, i membri del team hanno osservato dove le vie del dolore cronico e dello stress vanno ad intersecarsi.

In studi precedenti, i ricercatori avevano già osservato come questo neurotrasmettitore peptidico fosse altamente espresso nelle donne con sintomatologia da Disturbo post-traumatico da stress.

In virtù di tale osservazione e cioè di un aumento dei comportamenti ansiosi in risposta al dolore cronico il team di ricerca ha somministrato un antagonista recettoriale del PACAP, progettato per bloccare la risposta.

Successivamente hanno osservato come vi sia una significativa riduzione sia del comportamento ansioso che dell’ipersensibilità al dolore.

Sulla base di tale evidenza i ricercatori suggeriscono come vi sia la possibilità di bloccare tanto il dolore cronico quanto i disturbi d’ansia; il passo successivo a cui si auspica è quindi quello di lavorare anche da un punto di vista chimico, al fine di sviluppare piccoli composti di molecola che possano antagonizzare le azioni del PACAP.

Questo potrebbe rappresentare non solo un approccio completamente diverso rispetto all’uso di oppiacei e benzodiazepine, ma un altro strumento per combattere il dolore cronico e i disturbi comportamentali legati allo stress.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: disturbi d'ansia trattamento dolore cronico PACAP neurotrasmettitore peptidico University of Vermont tratto spino-parabrachiale antagonista recettoriale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termine anorgasmia viene spesso confuso e...

Le parole della Psicologia

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanente di rispondere all'eccitamento...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni