Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Donne, attente alle «botte in testa»:a rischio la memoria a breve termine

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 284 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le donne devono porre particolare attenzione a evitare di ricevere colpi in testa dal momento che sono più suscettibili degli uomini alle possibili conseguenze neuropsicologiche. La raccomandazione è soprattutto importante per chi fa sport nei quali vi è un aumentato rischio di impatti. E’ quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista Radiology da parte di un gruppo di ricercatori di Taiwan guidati dal professor Chi-Jen Chen del Brain and Consciousness Research Center di Taipei.
Cos’è la «concussione»


«A fare paura è la cosiddetta concussione, una forma di risentimento cerebrale che si manifesta dopo traumi del capo non particolarmente importanti, ma seguiti da sintomi quali mal di testa, disorientamento, amnesia», dice il dottor Giordano Guizzardi, direttore del Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza dell’Ospedale Maggiore dell’Ausl di Bologna, sede di Trauma Center. «Le persone che ne sono colpite continuano a fare più volte le stesse domande, come se non ricordassero di averle già fatte, e per alcuni giorni possono avere vertigini, difficoltà a concentrarsi, tendenza a dormire più di quanto fossero abituati a fare». Quando però queste persone vengono sottoposte a indagini di visualizzazione cerebrale, come Tac e Risonanza magnetica, non si rilevano alterazioni di tipo strutturale. «Ci eravamo accorti che nella pratica clinica si presentavano all’osservazione specialistica più donne che uomini, con un rapporto di due a uno», dice il professor Chi-Jen Chen, «allora abbiamo iniziato a chiederci se ci potessero essere delle differenze tra uomini e donne negli esiti di un trauma cranico di media entità».

 

Tratto da:corriere.it- Prosegui nella lettura dell'articolo

 


Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni