Pubblicità

Donne Vs Uomini: differenze mnemoniche

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 883 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nella battaglia dei sessi, le donne hanno a lungo sostenuto che possono ricordare le cose meglio e più a lungo rispetto agli uomini.

donne e uomini differenze mnemonicheUn nuovo studio dimostra che le donne di mezza età superano gli uomini di pari età su tutte le misure di memoria, anche se la memoria declina dopo la menopausa.

Lo studio è stato pubblicato on line sulla rivista della North American Menopause Society (NAMS).
La perdita di memoria, purtroppo, è una conseguenza ben documentata del processo di invecchiamento. Stime epidemiologiche suggeriscono che circa il 75% degli adulti più anziani segnala problemi relativi alla memoria.


Le donne riferiscono di un aumento di dimenticanze e "nebbia del cervello" durante la transizione della menopausa.
Inoltre, le donne sono sproporzionatamente a rischio di compromissione della memoria e di demenza rispetto agli uomini. Nonostante queste condizioni avverse, secondo lo studio, le donne di mezza età sono superiori ai loro colleghi maschi della stessa età su tutte le misure della memoria.

Lo studio trasversale di 212 uomini e donne di età compresa tra i 45 ei 55 anni ha valutato la memoria episodica, la funzione esecutiva, l’elaborazione semantica, e l'intelligenza verbale stimata attraverso test cognitivi.

La memoria associativa e la memoria verbale episodica sono stati valutati utilizzando l’esame: Face-Name Associative Memory Exam and Selective Reminding Test.

Oltre al confronto tra le differenze di sesso, lo studio ha anche riscontrato che le donne in pre-menopausa e perimenopausa hanno ottenuto performance migliori delle donne in postmenopausa in una serie di aree della memoria chiave.


Il declino dei livelli di estradiolo nelle donne in post-menopausa sono stati specificamente associati a tassi più bassi di apprendimento iniziale e di recupero delle informazioni precedentemente ricordate, mentre la memoria di archiviazione e di consolidamento sono rimaste invariate.

"La nebbia del cervello e le denunce dei problemi di memoria dovrebbero essere presi sul serio", afferma il Dottor JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo del NAMS. "Questo studio e altri hanno dimostrato che queste denunce sono associati ai deficit di memoria."

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: donne vs uomini, nebbia del cervello, fattori a rischio, differenze,

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

News Letters

0
condivisioni