Pubblicità

Don’t worry, be happy: Just go to bed earlier

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1762 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

When you go to bed, and how long you sleep at a time, might actually make it difficult for you to stop worrying.
So say Jacob Nota and Meredith Coles of Binghamton University in the US, who found that people who sleep for shorter periods of time and go to bed very late at night are often overwhelmed with more negative thoughts than those who keep more regular sleeping hours. The findings appear in Springer’s journal Cognitive Therapy and Research.
People are said to have repetitive negative thinking when they have bothersome pessimistic thoughts that seem to repeat in their minds. They feel as though they have little control over these contemplations. They also tend to worry excessively about the future, delve too much into the past, and experience annoying intrusive thoughts. Such thoughts are often typical of people suffering from generalized anxiety disorder, major depressive disorder, post-traumatic stress disorder, obsessive compulsive disorder, and social anxiety disorder. These individuals also tend to have sleep problems.
Previous studies have linked sleep problems with such repetitive negative thoughts, especially in cases where someone does not get enough shut eye. Nota and Coles set out to replicate these studies, and to further see if there’s any link between having such repetitive thoughts and the actual time when someone goes to bed.

 

Tratto da psypost.org Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni