Pubblicità

Don’t worry, be happy: Just go to bed earlier

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1746 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

When you go to bed, and how long you sleep at a time, might actually make it difficult for you to stop worrying.
So say Jacob Nota and Meredith Coles of Binghamton University in the US, who found that people who sleep for shorter periods of time and go to bed very late at night are often overwhelmed with more negative thoughts than those who keep more regular sleeping hours. The findings appear in Springer’s journal Cognitive Therapy and Research.
People are said to have repetitive negative thinking when they have bothersome pessimistic thoughts that seem to repeat in their minds. They feel as though they have little control over these contemplations. They also tend to worry excessively about the future, delve too much into the past, and experience annoying intrusive thoughts. Such thoughts are often typical of people suffering from generalized anxiety disorder, major depressive disorder, post-traumatic stress disorder, obsessive compulsive disorder, and social anxiety disorder. These individuals also tend to have sleep problems.
Previous studies have linked sleep problems with such repetitive negative thoughts, especially in cases where someone does not get enough shut eye. Nota and Coles set out to replicate these studies, and to further see if there’s any link between having such repetitive thoughts and the actual time when someone goes to bed.

 

Tratto da psypost.org Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni