Pubblicità

Due ore a settimana a contatto con la natura è la giusta dose per stare bene

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 126 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una ricerca condotta dall'University of Exeter, ha rilevato che le persone che trascorrono almeno 120 minuti a settimana immersi nella natura, hanno una maggiore probabilità di registrare una buona salute e un benessere psicologico .

natura

Tuttavia, tali benefici non sono stati trovati per le persone che hanno visitato ambienti naturali come parchi cittadini, boschi, parchi nazionali e spiagge per meno di 120 minuti a settimana.

Lo studio ha utilizzato dati provenienti da quasi 20.000 persone in Inghilterra e ha scoperto che non importava se i 120 minuti sono stati raggiunti in un solo giorno o in più giornate.

La ricerca  ha inoltre rilevato la soglia di 120 minuti applicata sia agli uomini che alle donne, agli anziani e ai giovani adulti, ai diversi gruppi professionali ed etnici, tra coloro che vivono in aree sia ricche che povere, e anche tra persone con malattie o disabilità di lunga durata.

Il Dott. Mat White, dell'University of Exeter Medical School, che ha guidato lo studio, ha affermato: "È risaputo che fare una vita all'aria aperta in natura può essere un bene per la salute e il benessere delle persone, ma fino ad ora non siamo stati in grado di dire quanto. La maggior parte delle "visite" alla natura, in questa ricerca, hanno avuto luogo nel raggio di soli due miglia di casa, quindi anche visitare spazi verdi urbani locali sembra essere una buona cosa: Due ore a settimana è un obiettivo realistico per molte persone, soprattutto perché possono essere distribuite su un'intera settimana per ottenere questo beneficio."

Pubblicità

Vi sono prove crescenti del fatto che il semplice fatto di vivere in un quartiere più verde può essere utile per la salute, ad esempio, riducendo l'inquinamento atmosferico. I dati per la ricerca attuale provengono dal Monitor of Engagement del Natural England Survey, il più grande studio al mondo che raccoglie dati sul contatto settimanale della gente con il mondo naturale.

Co-autore della ricerca, il professor Terry Hartig dell'University di Uppsala in Svezia ha dichiarato: "Ci sono molte ragioni per cui trascorrere del tempo in natura può essere benefico per la salute e il benessere, tra cui ottenere una migliore prospettiva sulle circostanze della propria vita, ridurre lo stress e godersi il tempo con amici e famiglia. Le scoperte attuali offrono un valido supporto agli operatori sanitari nel formulare raccomandazioni sul trascorrere del tempo in natura per promuovere la salute e il benessere di base."

 

fonte:

  • Mathew P. White, Ian Alcock, James Grellier, Benedict W. Wheeler, Terry Hartig, Sara L. Warber, Angie Bone, Michael H. Depledge, Lora E. Fleming. Spending at least 120 minutes a week in nature is associated with good health and wellbeing. Scientific Reports, 2019; 9 (1) DOI: 10.1038/s41598-019-44097-3

 

a cura della Dottoressa Arianna Patriarca

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

.

Tags: natura terapia naturale ambiente naturale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

News Letters

0
condivisioni