Pubblicità

Due strategie psicologiche per controllare i pensieri negativi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2276 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La Ristrutturazione cognitiva e la defusione possono aiutare a gestire i pensieri negativi

pensieri negativi 2 Uno studio svedese, condotto da Andreas Larsson, conferma che circa il 99% della popolazione mondiale sperimenta regolarmente, nel corso della propria vita, pensieri negativi di varia identità.

Queste idee sono indesiderate, negative e possono essere rivolte a se stessi o agli altri. Nei casi più gravi, possono trasformarsi in vere e proprie convinzioni erronee e influire negativamente non solo sullo stato d’animo e sulle emozioni del momento, ma anche sui comportamenti futuri e sul benessere psicofisico dell’individuo.

Nella seguente ricerca, la squadra di Larsson, ha dimostrato come l’utilizzo di tecniche cognitivo- comportamentali possano essere particolarmente efficaci per la gestione di tali pensieri.

Lo  studio è stato effettuato su un campione di 71 soggetti divisi equamente in tre diversi gruppi.

Nella prima fase di lavoro, ogni singolo componente dei tre gruppi aveva il compito di elaborare un pensiero negativo su se stesso. Tale pensiero doveva essere credibile e rappresentare una forte fonte di disagio.

Successivamente ai soggetti del primo e del secondo gruppo è stato spiegato come gestire il pensiero attraverso:
1. la ristrutturazione cognitiva: Tecnica cognitivo-comportamentale basata sull’ipotesi che, per modificare le emozioni associate ad un pensiero, occorre modificare le proprie cognizioni.
L’utilizzo di questa tecnica ha come obiettivo principale quello di aiutare l’individuo a produrre modificazioni realistiche e oggettive sui pensieri disfunzionale rispetto a se stessi o al mondo esterno.

2. la defusione: Tale tecnica viene denominata anche de –lettarizzazione: consiste nel ripete una parola associata al pensiero negativo fino a quando non perde parte del suo significato.
L' obiettivo principale di questa tecnica è quello di imparare a considerare i pensieri come nient'altro che idee prodotte dalla nostra mente e come tali, non corrispondenti alla realtà esterna.
Il principio di tale tecnica è quello di insegnare  a guardare con distacco il proprio pensiero piuttosto che farsi guidare e influenzare negativamente da quest’ultimo.

 A differenza dei primi due gruppi, il terzo  dopo aver elaborato il pensiero negativo, avevano il compito di gestirlo in maniera autonoma, senza seguire nessuna indicazione strategica.

I risultati dello studio hanno dimostrato che:

le persone che elaboravano i propri pensieri negativi attraverso la ristrutturazione cognitiva e la defusione riuscivano a elaborare e gestire le distorsioni in maniera più efficace rispetto al gruppo di controllo che non aveva ricevuto alcun tipo di istruzione riguardo all’utilizzo di tali strategie.

Inoltre, è stato dimostrato che i partecipanti nello scegliere quale strategia cognitivo comportamentale utilizzare, traevano maggior giovamento nell’utilizzare la tecnica della defusione rispetto alla ristrutturazione cognitiva.

La defusione, infatti,  risulta essere molto efficace  in una grande varietà di contesti e di situazioni cliniche, sia  perchè agisce  in tempi piuttosto rapidi sia perchè può essere applicata ad un' ampia gamma di esercizi, tecniche e metafore.

 

Tratto da www.psypost.org

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: pensieri negativi disagio, convinzioni ristrutturazione cognitiva, defusione, cognizioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

Noia

È  uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un'at...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

News Letters

0
condivisioni