Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Due strategie psicologiche per controllare i pensieri negativi

on . Postato in News di psicologia

La Ristrutturazione cognitiva e la defusione possono aiutare a gestire i pensieri negativi

pensieri negativi 2 Uno studio svedese, condotto da Andreas Larsson, conferma che circa il 99% della popolazione mondiale sperimenta regolarmente, nel corso della propria vita, pensieri negativi di varia identità.

Queste idee sono indesiderate, negative e possono essere rivolte a se stessi o agli altri. Nei casi più gravi, possono trasformarsi in vere e proprie convinzioni erronee e influire negativamente non solo sullo stato d’animo e sulle emozioni del momento, ma anche sui comportamenti futuri e sul benessere psicofisico dell’individuo.

Nella seguente ricerca, la squadra di Larsson, ha dimostrato come l’utilizzo di tecniche cognitivo- comportamentali possano essere particolarmente efficaci per la gestione di tali pensieri.

Lo  studio è stato effettuato su un campione di 71 soggetti divisi equamente in tre diversi gruppi.

Nella prima fase di lavoro, ogni singolo componente dei tre gruppi aveva il compito di elaborare un pensiero negativo su se stesso. Tale pensiero doveva essere credibile e rappresentare una forte fonte di disagio.

Successivamente ai soggetti del primo e del secondo gruppo è stato spiegato come gestire il pensiero attraverso:
1. la ristrutturazione cognitiva: Tecnica cognitivo-comportamentale basata sull’ipotesi che, per modificare le emozioni associate ad un pensiero, occorre modificare le proprie cognizioni.
L’utilizzo di questa tecnica ha come obiettivo principale quello di aiutare l’individuo a produrre modificazioni realistiche e oggettive sui pensieri disfunzionale rispetto a se stessi o al mondo esterno.

2. la defusione: Tale tecnica viene denominata anche de –lettarizzazione: consiste nel ripete una parola associata al pensiero negativo fino a quando non perde parte del suo significato.
L' obiettivo principale di questa tecnica è quello di imparare a considerare i pensieri come nient'altro che idee prodotte dalla nostra mente e come tali, non corrispondenti alla realtà esterna.
Il principio di tale tecnica è quello di insegnare  a guardare con distacco il proprio pensiero piuttosto che farsi guidare e influenzare negativamente da quest’ultimo.

 A differenza dei primi due gruppi, il terzo  dopo aver elaborato il pensiero negativo, avevano il compito di gestirlo in maniera autonoma, senza seguire nessuna indicazione strategica.

I risultati dello studio hanno dimostrato che:

le persone che elaboravano i propri pensieri negativi attraverso la ristrutturazione cognitiva e la defusione riuscivano a elaborare e gestire le distorsioni in maniera più efficace rispetto al gruppo di controllo che non aveva ricevuto alcun tipo di istruzione riguardo all’utilizzo di tali strategie.

Inoltre, è stato dimostrato che i partecipanti nello scegliere quale strategia cognitivo comportamentale utilizzare, traevano maggior giovamento nell’utilizzare la tecnica della defusione rispetto alla ristrutturazione cognitiva.

La defusione, infatti,  risulta essere molto efficace  in una grande varietà di contesti e di situazioni cliniche, sia  perchè agisce  in tempi piuttosto rapidi sia perchè può essere applicata ad un' ampia gamma di esercizi, tecniche e metafore.

 

Tratto da www.psypost.org

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: pensieri negativi disagio, convinzioni ristrutturazione cognitiva, defusione, cognizioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con la mia ragazza e …

Sabrina, 16                   Salve, sono una ragazza di 16 anni, impegnata da quasi un anno e mezzo i...

Signor (1497211992990)

bruno, 76             Ogni giorno mi sento depresso e sempre triste nella mia vita ho pero tutti mia madre e mia nonna gl...

Adolescente che non si acconte…

sara, 36                 Salve,Siamo una famiglia di stranieri che vive in italia da diverso tempo,qualche an...

Area Professionale

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

Le parole della Psicologia

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

ATASSIA

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. È possibile fare una distinzione...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

News Letters