Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ecco come stimolare un bambino ad essere simpatico!!

on . Postato in News di psicologia | Letto 556 volte

I genitori e gli insegnanti si chiedono spesso come insegnare ai bambini a prendersi cura degli altri - a maggior ragione quando il mondo in cui viviamo è pieno di disaccordo, conflitto, e aggressività.

index2Come psicologi dello sviluppo, sappiamo che i bambini iniziano a prestare attenzione alle emozioni degli altri dalla più tenera età. Essi si rendono attivamente conto delle emozioni altrui quando si prendono decisioni su come rispondere ad esse.

Questo significa che i bambini sentono simpatia per gli altri fin dalla tenera età? E c'è un modo in cui i genitori possono insegnare ai loro figli ad essere simpatici?

Cos’ è la simpatia? Un sentimento di preoccupazione per un'altra persona, oppure una comprensione della spiacevole situazione e lo stato emotivo di un altro. E’ accompagnata spesso da sentimenti di pietà per l'altro in difficoltà.

La simpatia è diversa dall’empatia, che è più un "contagio emotivo". Se avete voglia di piangere quando vedete un’altra persona piangere, si sta verificando l'empatia. Si potrebbe anche essere sopraffatti dalla sofferenza di quella persona.

E a differenza dell’empatia, la simpatia comporta una certa distanza. Così, invece di essere sopraffatto, i sentimenti di simpatia potrebbero consentire ai singoli di impegnarsi in comportamenti prosociali, come aiutare o condividere.

Si comincia a mostrare preoccupazione per gli altri molto presto. Ad esempio, i bambini mostrano segni di preoccupazione per gli altri nelle loro risposte quando vedono piangere un altro bambino, anche se, nel caso di bambini, potrebbe anche essere possibile che non capiscono completamente il proprio sé come entità separata dagli altri. Quindi, il loro pianto potrebbe essere semplicemente un caso di contagio emotivo.

In entrambi i casi, queste sono le prime forme di preoccupazione che mostriamo. Con il crescere questo processo diventa molto più sofisticato. Piuttosto che piangere per l'altro bambino, i bambini cominciano a pensare a modi per alleviare il disagio altrui.

Questa risposta simpatica diventa possibile perché iniziano a incorporare la comprensione cognitiva della situazione dell'altra persona. La simpatia va al di là di semplici sentimenti di tristezza per la sofferenza degli altri. Piuttosto, guida le nostre azioni.

Cosa fanno i bambini per condividere.

Come fanno i bambini in età diverse ad impegnarsi in modo diverso nei comportamenti prosociali in base alla loro simpatia?

Per capire, abbiamo condotto uno studio per vedere come i bambini condividono. Nel nostro studio, 160 bambini di 4 e di 8 anni, hanno ricevuto sei adesivi uguali. E’ stato data l’ora l'opportunità di condividere un numero qualsiasi di quegli adesivi con un ipotetico bambino in un quadro.

Ai bambini sono state mostrate più immagini che raffiguravano quattro condizioni differenti, che comprendeva destinatari "bisognosi" e destinatari "non bisognosi". Il destinatario bisognosi è stato descritto come: "Lei / lui non ha giocattoli", "lei / lui è triste."

E il destinatario non bisognoso o neutro è stato descritto come: "Questa ragazza / ragazzo è di quattro / otto anni proprio come te."

Quello che abbiamo trovato era che i bambini tendono a condividere più adesivi con un destinatario bisognoso. Inoltre, i bambini di 8 anni hanno condiviso, in media, il 70% dei loro adesivi con il destinatario bisognoso (contro il 47 % con il destinatario neutro). I bambini di 4 anni hanno condiviso solo il 45% dei loro adesivi nella condizione di bisogno (contro il 33% nella condizione neutra).

Perché i bambini di 8 anni condividono più di due terzi dei propri adesivi con il destinatario bisognoso, mentre quelli di 4 condividono solo circa la metà dei loro adesivi?

La risposta a questa domanda si trova nella capacità di crescita dei bambini a mettersi nei panni degli altri. Oltre a sentirsi preoccupati per gli altri, essere in grado di comprendere le circostanze in cui si trovano gli altri può migliorare i comportamenti di aiuto o condivisione, che rappresentano la sensibilità verso la condizione altrui.

Ad esempio, come il nostro studio ha dimostrato, i bambini più grandi hanno condiviso più adesivi con un pari che sembrava triste e ha avuto un minor numero di giocattoli, donando anche i propri. Questo è diverso dalla semplice condivisione di un numero uguale di adesivi con i coetanei a prescindere dalle circostanze personali.

Il punto è che i bambini possono mostrare empatia emozionale nella fase iniziale, ma quando crescono sviluppano "capacità- prospettiche", che tendono a mostrare livelli più elevati di simpatia. Avere tali capacità significa sapere che gli altri possono avere il desiderio, la conoscenza e l'emozione diverse dalle proprie.

Per esempio, un bambino che vuole giocare a baseball potrebbe capire che il suo amico ha un desiderio diverso, probabilmente vuole giocare a calcio. Oppure un altro amico che sorride davanti ai suoi genitori, nascondendo la sua delusione perché non ha ottenuto il regalo di compleanno che voleva veramente.

A questo proposito, uno studio recente che riassume i risultati di 76 studi condotti nel corso degli ultimi quattro decenni, provenienti da 12 diversi paesi si avvicinò con i seguenti risultati:

Lo studio ha esaminato un totale di 6.432 bambini di età compresa tra i 2 e i 12 anni per scoprire come capacità di prospettiva dei bambini e comportamento prosociale erano collegati gli uni agli altri. I risultati hanno rivelato che i bambini con più alta capacità di comprendere il punto di vista di un'altra persona hanno mostrato comportamenti più prosociali, come conforto, aiuto e condivisione.

Inoltre, quando hanno confrontato bambini in età prescolare tra i 2 e i 5 anni di età rispetto ai bambini di età compresa 6 e oltre, hanno scoperto che questo relazione diventa sempre più forte con la crescita.

Quando i bambini sono sempre più in grado di utilizzare informazioni contestuali diventano più selettivi su quando e come aiutare gli altri. Questo è ciò che il nostro studio ha dimostrato: i bambini di 8 prendono in considerazione le informazioni sul destinatario e prendono decisioni di condivisione più selettive guidati dalla loro simpatia.

Migliorare la simpatia nei bambini

La domanda è, potremmo incoraggiare i bambini a diventare simpatico verso gli altri? E potrebbero i bambini imparare il modo migliore per aiutare tenendo conto delle circostanze individuali degli altri?

La capacità di provare preoccupazione per gli altri è una delle caratteristiche fondamentali che ci rendono umani. La simpatia lega gli individui insieme e aumenta la cooperazione tra i membri della società. Questo è stato osservato nella ricerca evolutiva.

Per esempio, in uno studio a lungo termine condotto con 175 bambini, abbiamo scoperto che quando i bambini hanno mostrato alti livelli di simpatia all'età di sette anni, sono stati meglio accettati dai coetanei e condividono di più con gli altri fino all’età di nove anni.

Quindi, una delle cose che possiamo fare per facilitare la simpatia nei bambini secondo la ricerca di sviluppo è quello di utilizzare quello che viene chiamato il ragionamento induttivo. Il ragionamento induttivo implica che i genitori e gli insegnanti sottolineano le conseguenze del comportamento di un bambino nel corso di un’ interazione sociale. Ad esempio, quando un bambino afferra un giocattolo dal suo amico, l’adulto potrebbe chiedere al bambino: "Come ti sentiresti se il tuo amico ti portasse via il giocattolo?"

Questo può incoraggiare i bambini a riflettere su come le loro azioni possano influenzare i pensieri ei sentimenti degli altri. Questo può facilitare la simpatia.

Il ricercatore Brad Farrant, che, insieme ai suoi colleghi, ha studiato il rapporto tra genitorialità e i comportamenti di aiuto e di cura dei bambini, si avvicinò a tali teorie con risultati simili.

Farrant ha studiato 72 bambini di età compresa tra quattro e sei anni. Lo studio ha riscontrato che i bambini hanno mostrato più azioni di aiuto e di cura verso gli altri, quando le madri hanno incoraggiato i propri figli a vedere le cose dalla prospettiva di un altro bambino. Ad esempio, se un bambino è stato "preso di mira" da un altro bambino, le madri che hanno incoraggiato le capacità di prospettiva hanno guidato il loro bambino a cercare di capire il motivo di tale comportamento.

Dire a un bambino che dovrebbe aiutare e condividere con gli altri potrebbe essere un modo per insegnargli come essere un buon membro della società. Tuttavia, impegnarsi in conversazioni con il bambino sui bisogni degli altri, sui sentimenti e sui desideri altrui potrebbero aiutare i bambini a sviluppare la simpatia.

Articolo pubblicato in The Conversation  da Tina Malti, Professore Associato di Psicologia, Università di Toronto e Ju-Hyun Song, Post Doctoral Fellow, Università di Toronto

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: emozioni empatia condivisione simpatia contagio emotivo comportamenti prosociali capacità-prospettiche ragionamento induttivo

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un d...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters