Pubblicità

Ecco il robot che reagisce alle emozioni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 230 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
La distinzione tra l'uomo e la macchina si riduce drasticamente. Ora c'è un robot, «nato» all'Università Vanderbilt di Nashville, nel Tennessee, che si è dimostrato capace di reagire alle emozioni manifestate dall'uomo. Cioè capisce, ad esempio, se siamo annoiati, felici o in preda all'ira. Sono numerosi gli atteggiamenti del corpo e le espressioni del viso che manifestano i nostri stati d'animo e di conseguenza sono diversi i messaggi che trasmettiamo nelle varie condizioni. «Così abbiamo studiato le espressioni, codificandole e facendole interpretare, attraverso i sensori, dai programmi che gestiscono il robot» dice Nilanjan Sarkar, il "padre" del nuovo nato nel mondo della robotica.

Per focalizzarsi meglio sugli aspetti psicologici Sarkar si è fatto aiutare da Craig Smith, docente di psicologia nella stessa università. La strada non è stata facile per ottenere un risultato accettabile. I due specialisti hanno monitorato per mesi un folto gruppo di studenti volontari registrando le mille reazioni dei soggetti. Tra queste anche l'aumento del battito cardiaco, la variazione di aspetti biologici, i movimenti dei muscoli facciali oppure l'aumento del sudore sulle mani.

Per catturare poi gli elementi maggiormente associati allo stress e all'ansietà alcuni volontari sono stati costretti a giocare con dei video games. Alla fine tutti i dati ricavati dall'indagine sono stati tradotti in algoritmi utilizzabili dal computer.

Infine il robot (per il momento senza nome) era pronto a dimostrare le sue capacità. E la prova consisteva nel vedere se egli si avvicinava al ricercatore se questo esprimeva tristezza. L'esame è stato superato. Ed ora l'Università di Vanderbilt ha stilato un contratto con la Nasa per far crescere il suo umanoide in modo da renderlo più bravo e più sensibile al fine di poterlo impiegare sulla stazione spaziale in orbita attorno alla Terra per aiutare e star vicino agli astronauti.

Giovanni Caprara (tratto da Corriere Scienze - www.corriere.it)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni