Pubblicità

Ecco il robot che reagisce alle emozioni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 313 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
La distinzione tra l'uomo e la macchina si riduce drasticamente. Ora c'è un robot, «nato» all'Università Vanderbilt di Nashville, nel Tennessee, che si è dimostrato capace di reagire alle emozioni manifestate dall'uomo. Cioè capisce, ad esempio, se siamo annoiati, felici o in preda all'ira. Sono numerosi gli atteggiamenti del corpo e le espressioni del viso che manifestano i nostri stati d'animo e di conseguenza sono diversi i messaggi che trasmettiamo nelle varie condizioni. «Così abbiamo studiato le espressioni, codificandole e facendole interpretare, attraverso i sensori, dai programmi che gestiscono il robot» dice Nilanjan Sarkar, il "padre" del nuovo nato nel mondo della robotica.

Per focalizzarsi meglio sugli aspetti psicologici Sarkar si è fatto aiutare da Craig Smith, docente di psicologia nella stessa università. La strada non è stata facile per ottenere un risultato accettabile. I due specialisti hanno monitorato per mesi un folto gruppo di studenti volontari registrando le mille reazioni dei soggetti. Tra queste anche l'aumento del battito cardiaco, la variazione di aspetti biologici, i movimenti dei muscoli facciali oppure l'aumento del sudore sulle mani.

Per catturare poi gli elementi maggiormente associati allo stress e all'ansietà alcuni volontari sono stati costretti a giocare con dei video games. Alla fine tutti i dati ricavati dall'indagine sono stati tradotti in algoritmi utilizzabili dal computer.

Infine il robot (per il momento senza nome) era pronto a dimostrare le sue capacità. E la prova consisteva nel vedere se egli si avvicinava al ricercatore se questo esprimeva tristezza. L'esame è stato superato. Ed ora l'Università di Vanderbilt ha stilato un contratto con la Nasa per far crescere il suo umanoide in modo da renderlo più bravo e più sensibile al fine di poterlo impiegare sulla stazione spaziale in orbita attorno alla Terra per aiutare e star vicino agli astronauti.

Giovanni Caprara (tratto da Corriere Scienze - www.corriere.it)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Sessualità (1560543734926)

Cinzia,56 Buonasera, c’è una cosa che mi assilla. ...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

News Letters

0
condivisioni