Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ecstasy e solitudine

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 449 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli adolescenti ed i giovani adulti che si sentono socialmente isolati o si trovano in difficoltà nel riuscire a percepire un senso di appartenenza con gli altri possono esitare nell’utilizzo di droghe assunte per fronteggiare questi sentimenti di solitudine, come sembra accadere soprattutto con alcune recenti droghe, quali l’ecstasy, che negli ultimi anni hanno avuto una larga diffusione tra i giovani.

In ogni caso, i giovani che fanno uso di ecstasy sembrano avere maggiori difficoltà nel rapporto con sé stessi e con i sentimenti di solitudine rispetto a coetanei che fanno uso di altri tipi di droghe ed a quanti invece non ricorrono a tali sostanze; questi i risultati di una ricerca presentata recentemente al 110° Convegno Annuale della American Psychological Association, quest’anno tenutosi a Chicago. “Graziea alla sensazione soggettiva prodotta dal consumo di ecstasy che consiste tra l’altro solitamente in un aumento della percezione dello stare insieme e dell’unità con gli altri, è comprensibile come i giovani che presentano difficoltà nel rapporto con gli altri e che si sentono socialmente isolati facciano ricorso a queste sostanze per cercare un legame con gli altri e provare un qualsiasi senso di appartenenza - dice la dott.ssa Ami Rokach della York University di Toronto (Ontario,Usa), uno degli autori della ricerca.

Lo studio, che ha confrontato questi aspetti tra ragazzi che fanno uso di droghe diverse (marijuana, cocaina, ma anche alcol) e non consumatori, è stato focalizzato sul modo in cui i giovani sentono ed esprimono i propri vissuti di solitudine in diversi aspetti della propria vita e sul modo in cui solitamente cercano di affrontare queste difficoltà. I risultati dello studio mostrano che i ragazzi che fanno uso di ecstasy sono rispetto agli altri coetanei quelli che maggiormente ricorrono a strategie differenti per cercare di arginare il senso di solitudine.

Gli autori della ricerca sottolineano come questi risultati siano importanti per cercare di comprendere le motivazioni che spingono al consumo di droghe nelle fasce di età giovanile ed inoltre ribadiscono la necessità di intervenire tempestivamente in questi casi quando ancora la condotta tossicomanica non è stabilizzata e ripetitiva.

Tratto da:”Ecstasy Drug of Choice for Those Trying to Cope with Loneliness”-NEWSWISE/Life News – Aug.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

News Letters

0
condivisioni