Pubblicità

Ecstasy e solitudine

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 482 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli adolescenti ed i giovani adulti che si sentono socialmente isolati o si trovano in difficoltà nel riuscire a percepire un senso di appartenenza con gli altri possono esitare nell’utilizzo di droghe assunte per fronteggiare questi sentimenti di solitudine, come sembra accadere soprattutto con alcune recenti droghe, quali l’ecstasy, che negli ultimi anni hanno avuto una larga diffusione tra i giovani.

In ogni caso, i giovani che fanno uso di ecstasy sembrano avere maggiori difficoltà nel rapporto con sé stessi e con i sentimenti di solitudine rispetto a coetanei che fanno uso di altri tipi di droghe ed a quanti invece non ricorrono a tali sostanze; questi i risultati di una ricerca presentata recentemente al 110° Convegno Annuale della American Psychological Association, quest’anno tenutosi a Chicago. “Graziea alla sensazione soggettiva prodotta dal consumo di ecstasy che consiste tra l’altro solitamente in un aumento della percezione dello stare insieme e dell’unità con gli altri, è comprensibile come i giovani che presentano difficoltà nel rapporto con gli altri e che si sentono socialmente isolati facciano ricorso a queste sostanze per cercare un legame con gli altri e provare un qualsiasi senso di appartenenza - dice la dott.ssa Ami Rokach della York University di Toronto (Ontario,Usa), uno degli autori della ricerca.

Lo studio, che ha confrontato questi aspetti tra ragazzi che fanno uso di droghe diverse (marijuana, cocaina, ma anche alcol) e non consumatori, è stato focalizzato sul modo in cui i giovani sentono ed esprimono i propri vissuti di solitudine in diversi aspetti della propria vita e sul modo in cui solitamente cercano di affrontare queste difficoltà. I risultati dello studio mostrano che i ragazzi che fanno uso di ecstasy sono rispetto agli altri coetanei quelli che maggiormente ricorrono a strategie differenti per cercare di arginare il senso di solitudine.

Gli autori della ricerca sottolineano come questi risultati siano importanti per cercare di comprendere le motivazioni che spingono al consumo di droghe nelle fasce di età giovanile ed inoltre ribadiscono la necessità di intervenire tempestivamente in questi casi quando ancora la condotta tossicomanica non è stabilizzata e ripetitiva.

Tratto da:”Ecstasy Drug of Choice for Those Trying to Cope with Loneliness”-NEWSWISE/Life News – Aug.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni