Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Effetti dell'esposizione al razzismo durante l'infanzia

on . Postato in News di psicologia

Un recente studio presentato al convegno della Pediatric Academic Societies ha messo in evidenza come l’esposizione infantile alla discriminazione razziale o etnica possa determinare un più elevato tasso di ansia, depressione e deficit d’attenzione/iperattività (ADHD), oltre che una diminuzione della salute generale.

razzismo

Infatti, i bambini che sono sottoposti a comportamenti discriminatori mostrano una probabilità due volte maggiore si sviluppare ansia e depressione rispetto ai loro coetanei non discriminati.

I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da 95.677 partecipanti iscritti al National Survey on Children’s Health. Oltre a fornire i dati relativi alla salute mentale e fisica, ai genitori e ai caregivers è stato chiesto se i propri figli avessero vissuto esperienze in cui sono stati giudicati o trattati ingiustamente a causa della loro razza o etnia.

Dopo aver verificato lo stato socio-economico, la struttura familiare, la lingua madre e altri fattori, gli studiosi hanno riscontrato una significativa correlazione fra l’esposizione al razzismo e la salute psico-fisica dei bambini.

Inoltre, l’essere vittima di razzismo sembra essere associato anche ad una maggiore probabilità (all’incirca superiore del 3,2%) di sviluppare ADHD.

Dai risultati emerge anche una maggiore probabilità di questi bambini di sperimentare sintomi ansiosi e depressivi. Quest’ultimi presentavano peggiori condizioni di salute e un rischio quattro volte maggiore di sviluppare ADHD.

Pubblicità

Ashaunta Anderson, la principale autrice dello studio, ha osservato come soprattutto fra i partecipanti appartenenti ad un basso status socio-economico (ad es. gli ispanici), le condizioni di salute generale fossero peggiori rispetto ai bambini esposti a fenomeni discriminatori e provenienti da famiglie ad alto reddito, i quali mostravano gli stessi effetti negativi sulla propria salute ma di minore entità.

Inoltre, è stata messa in evidenza anche una distinzione fra bambini bianchi e bambini di colore. Mentre i primi mostravano una elevata riduzione del loro stato di salute generale, per i secondi vi era una maggiore probabilità di sviluppare ADHD.

Queste evidenze suggeriscono che la discriminazione razziale possa avere ripercussione importanti sulla salute psico-fisica dei bambini, indipendentemente dal loro status socio-economico. Per questo motivo gli studiosi ritengono che sia necessario fornire un sostegno adeguato, attuare programmi di prevenzione, promuovere strategie di coping e offrire sistemi di cura appropriati.

In particolare, attraverso interventi volti all’educazione genitoriale e alla promozione di modelli relazionali positivi tra i pari, gli autori si auspicano che i bambini possano trarne giovamento, riuscendo a tamponare almeno in parte gli effetti negativi della discriminazione.

 

Tratto da: PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: depressione ansia ADHD discriminazione razzismo

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Stress e psoriasi (14975571212…

Tamby, 41                 Ho mia figlia di 10 anni che da 3 e mezzo soffre di psoriasi, lei è una bambina all...

Problemi con la mia ragazza e …

Sabrina, 16                   Salve, sono una ragazza di 16 anni, impegnata da quasi un anno e mezzo i...

Signor (1497211992990)

bruno, 76             Ogni giorno mi sento depresso e sempre triste nella mia vita ho pero tutti mia madre e mia nonna gl...

Area Professionale

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

Le parole della Psicologia

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

News Letters