Pubblicità

Effetti dell'esposizione al razzismo durante l'infanzia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1459 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un recente studio presentato al convegno della Pediatric Academic Societies ha messo in evidenza come l’esposizione infantile alla discriminazione razziale o etnica possa determinare un più elevato tasso di ansia, depressione e deficit d’attenzione/iperattività (ADHD), oltre che una diminuzione della salute generale.

razzismo

Infatti, i bambini che sono sottoposti a comportamenti discriminatori mostrano una probabilità due volte maggiore si sviluppare ansia e depressione rispetto ai loro coetanei non discriminati.

I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da 95.677 partecipanti iscritti al National Survey on Children’s Health. Oltre a fornire i dati relativi alla salute mentale e fisica, ai genitori e ai caregivers è stato chiesto se i propri figli avessero vissuto esperienze in cui sono stati giudicati o trattati ingiustamente a causa della loro razza o etnia.

Dopo aver verificato lo stato socio-economico, la struttura familiare, la lingua madre e altri fattori, gli studiosi hanno riscontrato una significativa correlazione fra l’esposizione al razzismo e la salute psico-fisica dei bambini.

Inoltre, l’essere vittima di razzismo sembra essere associato anche ad una maggiore probabilità (all’incirca superiore del 3,2%) di sviluppare ADHD.

Dai risultati emerge anche una maggiore probabilità di questi bambini di sperimentare sintomi ansiosi e depressivi. Quest’ultimi presentavano peggiori condizioni di salute e un rischio quattro volte maggiore di sviluppare ADHD.

Pubblicità

Ashaunta Anderson, la principale autrice dello studio, ha osservato come soprattutto fra i partecipanti appartenenti ad un basso status socio-economico (ad es. gli ispanici), le condizioni di salute generale fossero peggiori rispetto ai bambini esposti a fenomeni discriminatori e provenienti da famiglie ad alto reddito, i quali mostravano gli stessi effetti negativi sulla propria salute ma di minore entità.

Inoltre, è stata messa in evidenza anche una distinzione fra bambini bianchi e bambini di colore. Mentre i primi mostravano una elevata riduzione del loro stato di salute generale, per i secondi vi era una maggiore probabilità di sviluppare ADHD.

Queste evidenze suggeriscono che la discriminazione razziale possa avere ripercussione importanti sulla salute psico-fisica dei bambini, indipendentemente dal loro status socio-economico. Per questo motivo gli studiosi ritengono che sia necessario fornire un sostegno adeguato, attuare programmi di prevenzione, promuovere strategie di coping e offrire sistemi di cura appropriati.

In particolare, attraverso interventi volti all’educazione genitoriale e alla promozione di modelli relazionali positivi tra i pari, gli autori si auspicano che i bambini possano trarne giovamento, riuscendo a tamponare almeno in parte gli effetti negativi della discriminazione.

 

Tratto da: PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione ansia ADHD discriminazione razzismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

News Letters

0
condivisioni