Pubblicità

Effetto placebo delle bevande energetiche

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1910 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo un nuovo studio, eseguito presso la Sorbonne University di Parigi e pubblicato sul Journal of Consumer Psychology, vedere l’etichetta di una bevanda energetica influenza profondamente il modo in cui i giovani si percepiscono ubriachi mentre bevono cocktail o altre bevande alcoliche.

bevande energeticheLe bevande energetiche pubblicizzate in televisione vengono tipicamente proposte come bevande collegate a comportamenti a rischio e alla mancanza di inibizione.

Dallo studio è emerso che questa tattica di marketing abbia un effetto placebo piuttosto forte sulle persone. Quando, infatti, i giovani partecipanti alla ricerca venivano informati del fatto che nel loro cocktail di vodka era stata mischiata una bevanda energetica, essi riferivano di sentirsi maggiormente brilli, audaci e sicuri di sé dal punto di vista sessuale.

Coloro che erano convinti che le bevande energetiche potenziassero l’effetto dell’alcool mostravano sintomi da ubriacatura particolarmente intensi.

La ricerca ha coinvolto 154 giovani ragazzi, ai quali è stato spiegato che avrebbero dovuto bere o un cocktail contenente energy drink o un cocktail di vocka oppure un succo di frutta.

Sebbene tutte e tre le tipologie di bevande avessero gli stessi ingredienti, presentavano etichette differenti, quali: Red Bull & vodka, cocktail di vodka o cocktail di succo di frutta.

L’effetto della sola etichetta sull’auto-valutazione che i partecipanti facevano rispetto al percepirsi o meno ubriachi, era notevole. I risultati, infatti, hanno mostrato che coloro che credevano di bere un cocktail di alcool ed energy drink, riferivano di sentirsi abbastanza ubriachi e disinibiti e riferivano effetti ancora maggiori se erano convinti che la miscela di alcool e bevanda energizzante aumentasse l’effetto dell’alcool.

L’aver letto sull’etichetta che la bevanda conteneva sia vodka che Red Bull ha condotto i partecipanti a percepirsi maggiormente ubriachi (51% in più) rispetto a coloro che, leggendo l’etichetta, credevano di bere solo vodka o il succo di frutta. Inoltre, è stato registrato un aumento dell’autostima rispetto alle proprie capacità relazionali, una maggiore disinibizione nell’approcciarsi ad una donna ed anche un aumento della volontà di rischiare nel gioco d’azzardo. Tutti questi effetti, ancora una volta, erano ancora più evidenti in quei partecipanti che erano convinti del fatto che le bevande energizzanti aumentassero gli effetti dell’alcool e che l’essere ubriachi conducesse ad una riduzione dell’inibizione.

Pubblicità

Sul versante positivo, l'etichetta con su scritto “Red Bull & vodka” ha portato i partecipanti ad aspettare più tempo (circa 14 minuti in più rispetto a coloro che avevano bevuto i cocktail con le altre etichette), prima di mettersi alla guida di un’auto e questo a causa della percezione di essere brilli.

Yann Cornil, l’autore principale di questo studio, ha dichiarato che, diversamente da ciò che si può pensare ascoltando lo slogan usato nella pubblicità della Red Bull (“Red Bull ti mette le ali”), lo studio da lui condotto ha dimostrato come questo tipo di pubblicità induca a credere che gli energy drink abbiano proprietà inebrianti quando invece non le hanno.

Ciò che conduce a percepire un effetto potenziato dell’alcool non è l’energy drink ma l’effetto di una strategia di marketing, chiamata “Effetto placebo di marketing”. Grazie a questo tipo di strategia, i pubblicitari riescono a influenzare le aspettative e il comportamento dei consumatori, attraverso un determinato marchio.

I risultati di questo studio, dunque, hanno messo in evidenza l’esistenza di un effetto causale fra la percezione di essere ubriachi, dovuta alla falsa convinzione che una bevanda energetica potenzi l’effetto dell’alcool, e i comportamenti reali guidati da questo tipo di aspettativa, piuttosto che da ciò che è veramente contenuto in un cocktail. Non a caso, nonostante tutti i partecipanti alla ricerca avessero bevuto la stessa bevanda, la convinzione di bere un cocktail piuttosto che un altro ha avuto un impatto significativo sul loro comportamento.

Chandon, coautore di questo studio, ha affermato che le credenze che le persone hanno su un determinato prodotto possono essere altrettanto importanti quanto gli ingredienti dello stesso.

Da questo studio è emersa la necessità che i regolamenti e i codici di condotta diano importanza non solo agli effetti fisiologici dei vari prodotti, ma anche a quelli psicologici.

Secondo gli autori, in questa prospettiva, risulta fondamentale che i responsabili politici e i gruppi a tutela dei consumatori riesaminino il modo in cui le bevande energizzanti vengono pubblicizzate ed etichettate.

 

Tratto da PsychCentral

 

(A cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: psychoactive drink placebo effect

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni