Pubblicità

Emicrania: si impara a gestirla da piccoli

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 303 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Secondo uno studio durato circa 20 anni, chi soffre di emicrania cronica può impara a conviverci riuscendo a controllare quelle situazioni che potrebbero far comparire e/o far peggiorare il disturbo.

L'emicrania si presenta principalmente in due forme, l'emicrania senza aura e l'emicrania con aura.

L'emicrania senza aura, o emicrania comune, è la forma più diffusa, circa l'80% dei casi di emicrania diagnosticati rientrano in questa tipologia. Nelle donne, questo tipo di mal di testa compare spesso in concomitanza al ciclo mestruale, a volte è accompagnata da altri sintomi come nausea, vomito, fotofobia e fonofobia.

I casi legati all'emicrania con aura sono invece preceduti e accompagnati da una serie di disturbi di tipo neurologico, l'insieme di questi sintomi "premonitori" costituiscono la cosiddetta aura.

Nell'emicrania con aura l'attacco può essere preceduto da disturbi visivi, oscuramento di un campo visivo, linee scintillanti o disturbi della sensibilità con formicolii. In casi più rari si possono manifestare sintomi neurologici più gravi come difficoltà del linguaggio, paralisi, vertigini e difficoltà della coordinazione muscolare. L'aura, che si sviluppa gradualmente, si manifesta generalmente da 10 a 30 minuti prima dello scatenarsi del mal di testa vero e proprio.

Lo studio pubblicato su Archives of Pediatrics and Adolescent Medicine, è durato circa 20 anni e ha esaminato la trasformazione del mal di testa durante la crescita di 60 bambini. Si è notato che con la crescita l'emicrania senza aura è quasi scomparsa, mentre quella da stress rimane pressoché invariata.

tratto da Universonline.it - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

News Letters

0
condivisioni