Pubblicità

Emozioni: leggerle negli altri dipende da dove siamo nati

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 544 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


“Ce l’hai con me, lo vedo dai tuoi occhi!”, questa potrebbe essere l’esclamazione di una persona che ritiene di aver “letto” negli occhi di chi le sta di fronte un’espressione di rabbia. Questa stessa persona però potrebbe non essere italiana o europea. Difatti, secondo un nuovo studio, l’interpretazione dei segnali del viso che mostrerebbero le diverse espressioni per le altrettanto diverse emozioni cambia da Paese a Paese – nonché in base alle differenze culturali.

 

Ecco così che noi potremmo osservare l’espressione di una persona in un certo modo, e poi trarre le nostre conclusioni. Tuttavia, un asiatico, per esempio, potrebbe non essere d’accordo con noi.
A suggerire che le emozioni dipinte sui volti delle persone assumono significati diversi a seconda della nostra cultura sono i ricercatori dell’Università di Glasgow (Uk) che hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla versione online della rivista ufficiale dell’American Psychological Association: Journal of Experimental Psychology.

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni