Pubblicità

Enuresi notturna: terapie comportamentali colpevolmente trascurate

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 516 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una ricerca pubblicata sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine mostra un'associazione tra l'enuresi notturna e le fasi dello sviluppo infantile; tale disturbo sembra indicare un ritardo nello sviluppo del sistema nervoso centrale. Un tema interessante, stando all'editoriale di Christophersen, che si chiede perché se le evidenze per il trattamento del disturbo sono in favore delle terapie comportamentali vi si ricorra così poco.

I dati . Lo studio randomizzato ha valutato la relazione tra l'incontinenza notturna e le fasi dello sviluppo, prendendo in considerazione un campione di 1666 bambini all'età di 29, 41 e 53 mesi nati in Quebec tra il 1997 e il 1998. I dati sono stati raccolti tramite questionari ed interviste compilate a casa insieme alle mamme. Circa il 10 per cento dei bambini facevano la pipì a letto all'età di 53 mesi. Dal campione di bambini preso in esame è risultato che nella maggior parte dei casi la fine degli episodi di incontinenza notturna avviene tra i 29 e i 41 mesi. Le abilità motorie sono state raggiunte da pochi bambini che soffrono di incontinenza notturna rispetto a chi non ne soffre (stava seduto senza sostegno per 10 minuti a 5 mesi, P = 0,05; aveva iniziato gattonare a 5 mesi, P<0,01). Inoltre, molte tra le bambine che presentano il disturbo sono nate premature e presentano iperattività e disturbi dell'attenzione rispetto alle altre (P<0,01). Le capacità linguistiche fondamentali sono state acquisite meno dai bambini con problemi di incontinenza notturna rispetto agli altri (bambini: P = 0,04; bambine: P = 0,02).

Il commento . Sempre sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine un editoriale di Christophersen commenta il fenomeno sottolineando l'importanza dei risultati che associano l'enuresi allo sviluppo durante l'infanzia ma soprattutto l'importanza di sapere come intervenire nel caso in cui il fenomeno si presenta. Il trattamento del disturbo prevede un approccio farmacologico o comportamentale.

tratto da Yahoo Notizie - prosegui la letura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni