Pubblicità

Enuresi notturna: terapie comportamentali colpevolmente trascurate

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 458 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una ricerca pubblicata sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine mostra un'associazione tra l'enuresi notturna e le fasi dello sviluppo infantile; tale disturbo sembra indicare un ritardo nello sviluppo del sistema nervoso centrale. Un tema interessante, stando all'editoriale di Christophersen, che si chiede perché se le evidenze per il trattamento del disturbo sono in favore delle terapie comportamentali vi si ricorra così poco.

I dati . Lo studio randomizzato ha valutato la relazione tra l'incontinenza notturna e le fasi dello sviluppo, prendendo in considerazione un campione di 1666 bambini all'età di 29, 41 e 53 mesi nati in Quebec tra il 1997 e il 1998. I dati sono stati raccolti tramite questionari ed interviste compilate a casa insieme alle mamme. Circa il 10 per cento dei bambini facevano la pipì a letto all'età di 53 mesi. Dal campione di bambini preso in esame è risultato che nella maggior parte dei casi la fine degli episodi di incontinenza notturna avviene tra i 29 e i 41 mesi. Le abilità motorie sono state raggiunte da pochi bambini che soffrono di incontinenza notturna rispetto a chi non ne soffre (stava seduto senza sostegno per 10 minuti a 5 mesi, P = 0,05; aveva iniziato gattonare a 5 mesi, P<0,01). Inoltre, molte tra le bambine che presentano il disturbo sono nate premature e presentano iperattività e disturbi dell'attenzione rispetto alle altre (P<0,01). Le capacità linguistiche fondamentali sono state acquisite meno dai bambini con problemi di incontinenza notturna rispetto agli altri (bambini: P = 0,04; bambine: P = 0,02).

Il commento . Sempre sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine un editoriale di Christophersen commenta il fenomeno sottolineando l'importanza dei risultati che associano l'enuresi allo sviluppo durante l'infanzia ma soprattutto l'importanza di sapere come intervenire nel caso in cui il fenomeno si presenta. Il trattamento del disturbo prevede un approccio farmacologico o comportamentale.

tratto da Yahoo Notizie - prosegui la letura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni