Pubblicità

Enuresi notturna: terapie comportamentali colpevolmente trascurate

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 276 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una ricerca pubblicata sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine mostra un'associazione tra l'enuresi notturna e le fasi dello sviluppo infantile; tale disturbo sembra indicare un ritardo nello sviluppo del sistema nervoso centrale. Un tema interessante, stando all'editoriale di Christophersen, che si chiede perché se le evidenze per il trattamento del disturbo sono in favore delle terapie comportamentali vi si ricorra così poco.

I dati . Lo studio randomizzato ha valutato la relazione tra l'incontinenza notturna e le fasi dello sviluppo, prendendo in considerazione un campione di 1666 bambini all'età di 29, 41 e 53 mesi nati in Quebec tra il 1997 e il 1998. I dati sono stati raccolti tramite questionari ed interviste compilate a casa insieme alle mamme. Circa il 10 per cento dei bambini facevano la pipì a letto all'età di 53 mesi. Dal campione di bambini preso in esame è risultato che nella maggior parte dei casi la fine degli episodi di incontinenza notturna avviene tra i 29 e i 41 mesi. Le abilità motorie sono state raggiunte da pochi bambini che soffrono di incontinenza notturna rispetto a chi non ne soffre (stava seduto senza sostegno per 10 minuti a 5 mesi, P = 0,05; aveva iniziato gattonare a 5 mesi, P<0,01). Inoltre, molte tra le bambine che presentano il disturbo sono nate premature e presentano iperattività e disturbi dell'attenzione rispetto alle altre (P<0,01). Le capacità linguistiche fondamentali sono state acquisite meno dai bambini con problemi di incontinenza notturna rispetto agli altri (bambini: P = 0,04; bambine: P = 0,02).

Il commento . Sempre sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine un editoriale di Christophersen commenta il fenomeno sottolineando l'importanza dei risultati che associano l'enuresi allo sviluppo durante l'infanzia ma soprattutto l'importanza di sapere come intervenire nel caso in cui il fenomeno si presenta. Il trattamento del disturbo prevede un approccio farmacologico o comportamentale.

tratto da Yahoo Notizie - prosegui la letura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni