Pubblicità

Epilessia, quando serve la chirurgia e come agisce

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 312 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO - Tutto nasce in una zona precisa del cervello. È lì che qualcosa non funziona: parte una scarica elettrica, il cervello “impazzisce” ed ecco la crisi epilettica. Quando nulla riesce a controllare gli episodi, si può provare con la chirurgia: nei casi selezionati in cui è possibile riconoscere precisamente l'area “malata”, il bisturi oggi può spesso risolvere una volta per tutte l'epilessia.
I malati di epilessia nel nostro Paese sono circa mezzo milione e nel 60 per cento dei casi la malattia è “focale”, ovvero le scariche originano da un'area cerebrale precisa.

 

Il 25 per cento di questi pazienti è resistente ai farmaci: nulla modifica la frequenza delle crisi, che a volte possono essere davvero invalidanti. Si tratta di circa 75mila italiani che nella metà dei casi potrebbero essere candidabili alla chirurgia curativa, ma ogni anno nel nostro Paese non si superano i 300 interventi: numeri che rendono l'idea di quanto la faccenda sia delicata e difficile. «Intervenire chirurgicamente è certo complesso, perché stiamo parlando di operazioni al cervello. Ma è la fase precedente, ovvero l'identificazione precisa della zona da cui originano le scariche epilettiche, quella realmente complicata..

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

News Letters

0
condivisioni