Pubblicità

Epilessia, quando serve la chirurgia e come agisce

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 327 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO - Tutto nasce in una zona precisa del cervello. È lì che qualcosa non funziona: parte una scarica elettrica, il cervello “impazzisce” ed ecco la crisi epilettica. Quando nulla riesce a controllare gli episodi, si può provare con la chirurgia: nei casi selezionati in cui è possibile riconoscere precisamente l'area “malata”, il bisturi oggi può spesso risolvere una volta per tutte l'epilessia.
I malati di epilessia nel nostro Paese sono circa mezzo milione e nel 60 per cento dei casi la malattia è “focale”, ovvero le scariche originano da un'area cerebrale precisa.

 

Il 25 per cento di questi pazienti è resistente ai farmaci: nulla modifica la frequenza delle crisi, che a volte possono essere davvero invalidanti. Si tratta di circa 75mila italiani che nella metà dei casi potrebbero essere candidabili alla chirurgia curativa, ma ogni anno nel nostro Paese non si superano i 300 interventi: numeri che rendono l'idea di quanto la faccenda sia delicata e difficile. «Intervenire chirurgicamente è certo complesso, perché stiamo parlando di operazioni al cervello. Ma è la fase precedente, ovvero l'identificazione precisa della zona da cui originano le scariche epilettiche, quella realmente complicata..

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni