Pubblicità

Espressioni facciali: come il cervello elabora le emozioni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4335 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Avete mai pensato che qualcuno fosse arrabbiato con voi, ma in realtà avete semplicemente frainteso la sua espressione facciale? I ricercatori hanno recentemente scoperto che un’area del cervello, conosciuta come amigdala, è coinvolta in questi giudizi (a volte imprecisi) su emozioni ambigue e intense.

Espressioni facciali e amigdala

Identificare il ruolo dell’amigdala nella cognizione sociale, suggerisce degli approfondimenti sui meccanismi neurobiologici dell’autismo e dell’ansia.

La ricerca è stata condotta da Ralph Adolphs, professore di Piscolgia e Neuroscienze, oltre che di biologia, insieme al suo collaboratore Ueli Rutishauser.

Gli autori hanno dichiarato “Si conosce da tempo l’importanza dell’amigdala nell’elaborazione delle emozioni a partire dai volti, ma solo adesso si inizia a capire che essa contiene molte informazioni complesse utili a prendere decisioni complesse che culminano nei giudizi”.

Quando guardiamo un viso, i neuroni dell’amigdala inviano impulsi elettrici o “spikes” (potenziali d’azione) in risposta. Tuttavia, il loro ruolo nella cognizione sociale rimane poco chiaro.

Adolph e i suoi collaboratori, hanno misurato l’attività dei neuroni nei pazienti, ai quali venivano mostrate immagini di volti che esprimevano diversi livelli di felicità o paura. Ai soggetti sono state mostrate anche immagini di volti con emozioni piuttosto ambigue o neutre, come un moderato dispiacere o una modesta felicità. Per ogni tipologia di immagine, ai partecipanti è stato chiesto di decidere se il volto sembrasse spaventato o felice.

Successivamente, i ricercatori hanno cercato di esaminare il modo in cui i neuroni reagivano ai diversi aspetti delle emozioni e in che modo l'attività delle cellule del viso fosse associata alla decisione presa dai soggetti.

Pubblicità

I ricercatori hanno scoperto che ci sono due gruppi di neuroni nell'amigdala che rispondono alle emozioni del viso.

Un gruppo, i neuroni di monitoraggio delle emozioni, rileva l'intensità di una singola emozione specifica, come la felicità o la paura. Ad esempio, un neurone di segnalazione di felicità, invia più impulsi se l'emozione in questione è felicità estrema e meno impulsi quando l'emozione è una lieve felicità. Gruppi separati di neuroni all'interno dei neuroni di monitoraggio delle emozioni codificano specificamente per paura o per la felicità.

L'altro gruppo, i neuroni codificanti ambiguità, segnala l'ambiguità dell'emozione percepita, indipendentemente dalla natura di quell'emozione.

Secondo i ricercatori, la visione di immagini di pazienti con facce emozionalmente ambigue era la chiave per capire come i neuroni specializzati nell'amigdala contribuiscono al processo decisionale.

Tali volti erano così ambigui che un paziente avrebbe potuto giudicare la stessa espressione a volte spaventata e in altre occasioni felice. I neuroni che codificano le emozioni indicano la decisione soggettiva presa dal paziente in base all’espressione del viso.

Shuo Wang, uno degli autori dello studio, ha spiegato: “La maggior parte degli individui, conosce la sensazione che si ha quando un volto sembra essere troppo ambiguo per poter decidere la reale emozione della persona. Il fatto che i neuroni dell’amigdala segnalino una decisione su un viso, in questo caso l’emozione, ci dà un’importante informazione, perché ciò dimostra che l’amigdala è coinvolta nel processo decisionale e non solo nella rappresentazione dell’input sensoriale”.

Oltre al monitoraggio dei singoli neuroni dell'amigdala, i ricercatori hanno inoltre effettuato uno studio di neuroimaging usando la fMRI in un gruppo separato di partecipanti.
Il team ha anche studiato i giudizi sulle emozioni di tre soggetti con lesioni dell'amigdala. I soggetti con lesione hanno mostrato una soglia anormalmente bassa quando si trattava di decidere se un volto era pauroso. Lo studio fMRI mostrava anche l'effetto specifico dell'intensità e dell'ambiguità emozionale nell'amigdala.

Questi risultati suggeriscono anche un’applicazione meccanicistica di questi dati per potenziali trattamenti che comportano la stimolazione elettrica indolore dell'amigdala, attualmente in fase di studio negli studi clinici in corso. I ricercatori stanno attualmente valutando se la stimolazione profonda dell'amigdala sia efficace nel trattamento di gravi casi di autismo o di disturbi post-traumatici.

I pazienti con grave PTSD, ad esempio, si ritiene che presentino un’iperattivazione dell’amigdala, che una stimolazione elettrica sarebbe in grado di inibire. Le informazioni ricavate sulla capacità dei neuroni dell’amigdala di inviare segnali sulla percezione soggettiva delle emozioni indica in maniera più specifica la ragione per cui la stimolazione elettrica potrebbe essere vantaggiosa per intervenire su alcune problematiche.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: neuroni amigdala. espressioni emotive facciali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni