Pubblicità

Essere soddisfatti, la chiave per avere un cuore sano

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 464 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Essere soddisfatti di sé è la chiave per stare bene - e forse non è un mistero. Ma quello che hanno appurato un team di scienziati britannici è che a concorrere alla soddisfazione di sé e, di conseguenza, regalare maggiore salute ci sono fattori come il (vil) denaro, il lavoro, la famiglia e, non da ultimo, il sesso.
Sì, chi è soddisfatto, in qualche modo, ha un minore rischio (del 13%) di sviluppare malattie cardiache o dell’apparato cardiovascolare, si legge sull’European Heart Journal che ha pubblicato i risultati di uno studio condotto nell’ambito dello studio Whitehall su 8.000 dipendenti pubblici inglesi, con un’età media di 49 anni.

 

Ci mancava, ribadiscono gli autori dello studio, qualcosa che suggerisse come una vita soddisfacente faccia bene alla salute, soprattutto del cuore. Fino a oggi, gli studi si concentravano sui danni alla salute causati dall’ansia, la depressione. Ora, abbiamo le prove che anche la soddisfazione ha il suo peso sul benessere.
I partecipanti sono stati oggetto di un sondaggio in cui dovevano rispondere a domande riguardanti 7 aree specifiche la loro vita: lavoro, tempo libero, tenore di vita, relazioni amorose, famiglia, sesso e soddisfazione personale in generale.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni